La semplicità di Hana Hegerová


È morta il 23 marzo 2021 una delle più grandi cantanti europee, la cecoslovacca (e slovacca) Hana Hegerová


di Sergej pubblicato il 10 aprile 2021

Hana Hegerová (20 ottobre 1931 - 23 marzo 2021) è stata una cantante e attrice slovacca. Spesso indicata come la regina della chanson cecoslovacca, ha guadagnato popolarità principalmente come cantante di chanson. Hegerová ha ottenuto un riconoscimento nei paesi di lingua tedesca. Ha vissuto a Praga (fonte: Wikipedia inglese)

JPEG - 11.4 Kb
Hana Hegerová

Si chiamava Carmen Mária Štefánia Farkašová, suo padre, Ján Farkaš, era un impiegato di banca di origine ebraica. Da parte di madre proviene da un’antica e importante famiglia aristocratica inferiore - un’antichissima famiglia di nobili Čelko del villaggio Čelkova Lehota, che si trova nella Slovacchia nord-occidentale, nel distretto di Považská Bystrica. Dal 1937 al 1942 Hana Hegerová ha frequentato la scuola di danza al Teatro Nazionale di Bratislava. Dopo aver completato la sua istruzione a Komárno nel 1950, ha lavorato come impiegata per Škoda Works e come insegnante in una scuola professionale. Dal 1951 al 1953, Hegerová ha frequentato corsi di teatro professionale presso il Conservatorio statale del teatro, poi nel 1957 è entrato a far parte della compagnia del Teatro Peter Jilemnický di Žilina.

Nel 1954, Hegerová ha interpretato il ruolo del protagonista nel film Frona sotto il nome di Hana Čelková. Il 1957 ha visto la sua prima apparizione come cantante al Tatra Revue a Bratislava. Dopo essere arrivata a Praga, il principale attore ceco Jan Werich le ha offerto un fidanzamento al teatro ABC, ma lei ha rifiutato. Dal 1958 al 1961 si esibì al Teatro Rokoko di Praga, e dal 1961 al 1966 al Teatro Semafor dove apparve nell’opera jazz Dobře placená procházka di Jiří Suchý (libretto) e Jiří Šlitr (musica), e film Kdyby tisíc klarinetů (Se mille clarinetti). Il repertorio di Hegerová comprendeva molte canzoni di autori cechi e slovacchi, e anche versioni ceche di canzoni del repertorio di Édith Piaf ("Mylord"), Jacques Brel ("Ne me quitte pas") e canzoni di Kurt Weill ("Surabaya Johnny" , "The Barbara Song") e molti altri. Nel 1967, Hana Hegerová è apparsa all’Olympia di Parigi con le canzoni di Jacques Brel e Charles Aznavour. Si è anche esibita alla Fiera Mondiale di Montreal. Dal 1977 al 1981, durante la normalizzazione cecoslovacca, Hegerová fu costretta a interrompere le sue attività all’estero e le sue attività concertistiche furono limitate anche in Cecoslovacchia. Dopo la Rivoluzione di velluto (siamo ormai ai tempi recenti di Havel) ha iniziato a esibirsi più spesso in pubblico. Durante questo periodo ha ricevuto molti premi musicali, ad esempio il Disco di platino nel 1992 e il Gramy ceco nel 1996. Nel 2002, Hana Heregová ha ricevuto una medaglia al merito dal presidente ceco Václav Havel.

Nell’agosto 2011, la stampa nazionale ha annunciato che la diva ha deciso di ritirarsi dall’industria musicale, dicendo per MusicServer: "Ho deciso che non lo voglio più. Non voglio cantare, non voglio che diventi pubblico. Voglio sbarazzarmi dello stress. Semplicemente, l’impresa di Hana Hegerová è terminata, solo Hana Hegerová rimane come una persona privata che vuole finalmente godersi giorni tranquilli con il suo cane. Augurami buona fortuna in modo che ne siano rimasti ancora molti ".

Nel dicembre 2014 è stata ricoverata con gravi problemi cardiaci presso l’Ospedale Universitario Generale (Všeobecná fakultní nemocnice) a Praga.


Hana Hegerová si fece conoscere in Occidente grazie al festival musicale (e mercato) di MIDEM che si teneva a Cannes, nel sud della Francia, dal 1967. Nel 1968, si esibì l’allora top della musica popolare cecoslovacca, guidata da Karel Gott. Oltre a Gotta, Marta Kubišová, Helena Vondráčková, Václav Neckář, Judita Čeřovská, Yvonne Přenosilová, Helena Blehárová, Josef Laufer e Hana Hegerová hanno entusiasmato il pubblico esigente, non solo con le loro esibizioni, ma anche con il loro eccellente inglese e francese. Il filmato che abbiamo trovato su Youtube è un’opportunità unica per guardare una registrazione di questo concerto, che comprendeva una serie di canzoni famose in varie lingue.

Siamo nel 1968. In quei mesi la Cecoslovacchia si faceva conoscere al mondo grazie all’apertura post-stalinista, nel momento in cui sembrava che potesse esiste, all’Est come all’Ovest, una terza via democratica non soggetta alle contrapposizioni e alla divisione della "cortina di ferro". I carri armati russi posero fine all’esperienza della primavera di Praga e rinormalizzarono gli schieramenti anche all’Ovest.

La vicenda di Hana Hegerová mostra come quella società fosse molto più ricca e piena di "cose", stimoli, pulsioni, di quanto si potesse immaginare. In campo filosofico c’era Agnes Heller. Praga è sempre stata uno dei cuori dell’Europa.


Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo