Regno Unito: niente più IVA sugli assorbenti



di Redazione pubblicato il 2 gennaio 2021

Dall’1 gennaio 2021 nel Regno Unito non bisognerà più pagare la VAT (un’imposta sul valore aggiunto, il corrispettivo della nostra IVA) sugli assorbenti. Lo ha comunicato il governo, come aveva annunciato di voler fare già lo scorso marzo. Come ha scritto BBC, «il Regno Unito ha potuto togliere questa imposta perché da oggi non è più soggetta alle regole in tal senso dell’Unione Europea», regole che prevedono un’imposta minima del 5 per cento su prodotti come gli assorbenti.

Ma anche a livello europeo si sta pensando, da almeno un paio di anni, di togliere l’obbligo di imposta sugli assorbenti o, come è spesso chiamata, la ” “tampon tax” (“tampon” vuol dire “assorbente” in inglese).

A novembre la Scozia aveva approvato il primo provvedimento di legge al mondo che preveda l’accesso gratuito agli assorbenti.

Fonte: Il Post.


Il dibattito sul tampon tax è molto indicativo. Da una parte ci sono istanze femministe, che portano avanti la rivendicazione sull’eguaglianza tra i sessi attraverso la valorizzazione del ruolo delle donne - che passa anche attraverso la "normalizzazione" sul corpo delle donne, per cui il corpo non dovrebbe più essere soggetto al possesso, all’idea di desiderio come possesso o al disvalore in quanto "luogo del peccato" o luogo "impudico".

Una legislazione attenta alle diverse esigenze anche di genere tra le persone viene vista come più avanzata rispetto a una legislazione "universale" che universale non è, ma solo attenta a proteggere e valorizzare il ruolo di un solo genere. D’altra parte una legislazione troppo favorevole a un solo sesso non farebbe altro che riprodurre a generi invertiti la situazione "precedente", sessista e non universalista.

Connessa c’è un’altra questione: il no tampon tax favorisce certamente gli interessi dell’attuale sistema, gli attuali equilibri economici delle case che producono assorbenti, a scapito anche della ricerca di prodotti alternativi. Su questo fronte esiste un filone che vorrebbe tornare ad assorbenti "tradizionali" e riciclabili, contro gli attuali tamponi prodotti dall’industria, che danno seri problemi ambientali non essendo (spesso) riciclabili. Togliere la tassa può aiutare le industrie dominanti nel settore, senza avere effetto sulla promozione di prodotti alternativi e innovativi.

In tutto questo, mentre l’Unione Europea con i suoi Stati nazionali continua il dibattito, singoli Stati più snelli fanno da avanguardia (il caso della Scozia), e ora la Gran Bretagna (UK) mostra al mondo come possa essere liberatorio non sottostare più alla lentezza e al centralismo dell’UE.

s.


Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo