Nanni Balestrini

Antenati Storia della letteratura europea - Torna in homepage


Nanni Balestrini

Nanni Balestrini è nato a Milano il 2 luglio 1935 ( morto a Roma il 20 maggio 2019). Dalla metà degli anni '70 è stato ridotto al silenzio, implicato nella lotta politica di quegli anni e perseguitato con la falsa accusa di terrorismo. Emigrato in Francia, stato poi assolto nel 1984 dalle accuse di terrorismo provenienti dall'Italia, ed tornato in patria.

Ha fatto parte del Gruppo 63, ed era presente nell'antologia de "I nuovissimi" (1961). Tra le raccolte di poesie sono: Come si agisce (1963), Ma noi facciamone un'altra (1968), Black-out (1982).

Balestrini ha contribuito alla nascita di riviste 'militanti quali "Il Verri","Quindici", "Alfabeta" e "Zooom".

Tra i testi narrativi: Tristano (1966), La violenza illustrata (1976). Ha sperimentato la sua idea della letteratura come collage di materiali verbali precostituiti. Con Vogliamo tutto (1971) ha proposto una storia-documento delle lotte operaie del 1969.

 




Homepage | Dizionario autori | Autori aree linguistiche | Indice storico | Contesto | Novità
 [Up] Inizio pagina | [Send] Invia a un amico | [Print] Stampa | [Email] Mandaci una email | [Indietro]
Europa - Antenati - la storia della letteratura europea online - Vai a inizio pagina  © Antenati 1984- , an open content project