Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Scienza |

Vaccino Malaria: una speranza per il futuro

Apat: “servono 100 milioni di dosi l’anno”

di Redazione - mercoledì 4 maggio 2022 - 957 letture

In Africa si registra il 95% dei circa 230 milioni di casi di malaria e dei 400 mila decessi all’anno causati nel mondo da questa patologia. Nel 2019, nel continente africano oltre 710 bambini sotto i 5 anni sono morti ogni giorno, uno ogni due minuti.

A ottobre 2021, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha raccomandato l’utilizzo su larga scala di un vaccino contro la malaria, e “il Kenya è stato uno dei Paesi che hanno sperimentato il vaccino contro la malaria RTS S, insieme a Malawi e Ghana”, spiega il Dott. Donald Apat, medico e Programme Manager del Global Fund Malaria Project presso Amref Health Africa in Kenya. “Sulla base della raccomandazione dell’OMS di adottare e distribuire su larga scala il vaccino in questione, il Kenya è in fase di sviluppo di un piano di attuazione, di bilanci e di una tabella di marcia sotto la direzione del National Vaccines and Immunization Programme”.

Sarà offerto ai bambini in 4 dosi, ripartite nel tempo. Se implementato su larga scala, potrebbe salvare decine di migliaia di vite ogni anno. “La fornitura iniziale di vaccini contro la malaria dovrebbe essere insufficiente a soddisfare le esigenze: l’urgente necessità di proteggere oltre 25 milioni di bambini nati ogni anno nelle regioni a media e alta trasmissione della malaria. Per questo motivo, i leader africani chiedono un accesso rapido e riferiscono una domanda che potrebbe superare le 80-100 milioni di dosi/anno in base alle ultime previsioni di GAVI (Finanziamento approvato da Gavi nel dicembre 2021)”, spiega il Dott. Apat.

Il Dott. Donald Apat ci spiega tutto ciò che la comunità scientifica sa, per il momento.

Cosa rappresenta il vaccino contro la malaria per il futuro? Potrebbe essere utile per trovare cure e vaccini anche per altre malattie? Quali, in che modo e quando?

Sono stati fatti notevoli progressi negli sforzi coordinati per il controllo della malaria con sostanziali riduzioni della morbilità e mortalità associate alla malaria usando gli strumenti attualmente disponibili: gestione dei casi e controllo dei vettori con ITNs e IRS. La resistenza emergente ai farmaci contro la malaria e alle misure di controllo dei vettori rappresenta una minaccia alla sostenibilità di questi interventi/strumenti. Il vaccino contro la malaria integrerà questi interventi esistenti e aiuterà a spostare l’ago verso l’eliminazione della malattia. Tuttavia, la comunità scientifica, e nello specifico la comunità di ricerca sulla malaria, non dovrebbe festeggiare troppo presto, poiché c’è ancora bisogno di un vaccino più efficace (il vaccino attualmente disponibile, RTS, S/AS01, ha un’efficacia di circa 30-40% e agisce contro il Plasmodium falciparum), ma anche un vaccino che agisca contro altre specie di Plasmodium.

Come sarà introdotto questo nuovo vaccino all’interno dell’EPI (Expanded Program on Immunization), cioè i regolari servizi di vaccinazione pediatrica? Ciò richiederà un maggiore impegno (di tempo e di risorse) da parte di coloro che forniscono e/o sostengono questi servizi?

Uno dei risultati chiave del programma pilota per il vaccino contro la malaria che ha informato la raccomandazione dell’OMS, riguarda la fattibilità di fornire il vaccino con una buona ed equa copertura attraverso i sistemi di immunizzazione di routine. Dove applicabile, il vaccino contro la malaria dovrebbe essere integrato nelle linee guida di immunizzazione pertinenti e all’interno dell’EPI. Per aumentarne l’assorbimento, proprio come altri interventi di distribuzione di massa di LLIN, possono essere impiegate campagne periodiche di vaccinazione di massa o attività periodiche di immunizzazione intensificate, ad esempio, outreaches. Naturalmente, durante la fase pilota, le principali preoccupazioni da parte degli operatori sanitari riguardavano le sfide operative affrontate nell’introduzione e nella fornitura di RTS, S/AS01 (cioè l’aumento del carico di lavoro, la formazione, l’ammissibilità). I governi e i ministeri della salute dovrebbero garantire che le preoccupazioni degli operatori sanitari siano affrontate quando viene introdotto un nuovo intervento, compresa la sensibilizzazione, lo sviluppo delle capacità e la fornitura di risorse per un’implementazione sostenibile.

Questo primo vaccino contro la malaria viene somministrato in 4 dosi, distribuite nel tempo - e questo è un elemento di complessità rispetto ad altri vaccini. Quali sono le implicazioni di costo (dirette per i fornitori di servizi, e indirette per i pazienti)?

Alcune delle dosi dovrebbero essere fornite al di fuori dei programmi EPI di routine, il che significa visite aggiuntive in una struttura sanitaria, e risorse aggiuntive presso la struttura sanitaria per gestire questi scenari. Al fine di ottenere i massimi benefici dal vaccino contro la malaria, 4 dosi saranno somministrate ai bambini nei mesi 6, 7, 9 e 24 di età. In riferimento al programma EPI del Kenya, questo si tradurrebbe probabilmente in 1 o 2 visite aggiuntive. Sulla base dei benefici e della domanda di vaccino del pilota, questo dovrebbe essere gestibile attraverso una sensibilizzazione sostenuta sia dei fornitori che dei clienti.

Come lei ha affermato, la fornitura iniziale di vaccini contro la malaria dovrebbe essere insufficiente a soddisfare i bisogni. Quale crede sia il lasso di tempo per poter raggiungere una fornitura sufficiente a soddisfare i bisogni delle regioni con una trasmissione della malaria medio-alta?

GSK si è impegnata a fornire fino a 15 milioni di dosi l’anno fino al 2028. Con il trasferimento del prodotto dell’antigene RTS, S alla ditta indiana Bharat Bio Tech, ci aspettiamo un impegno simile per aumentare la produzione dei vaccini e speriamo che entrino in gioco altri produttori. Tuttavia, i Paesi sono incoraggiati a massimizzare gli altri interventi disponibili per controllare la malaria, inclusi la diagnosi e il trattamento precoci, la somministrazione di massa di farmaci, ITNs e IRS.

Cosa fa Amref?

Amref supporta i governi nell’adozione e nell’ampliamento di interventi sicuri e ad alto impatto, come la distribuzione di massa di zanzariere trattate con insetticidi e il perfezionamento delle competenze nell’ambito della diagnosi al microscopio per rafforzare la lotta contro la malaria nel continente.

JPEG - 51.9 Kb
Donald-Apat


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -