Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Città invisibili |

Ucciso Angelo Vassallo

Un vero e proprio agguato al "sindaco pescatore", punto di riferimento per molti cittadini della provincia di Salerno della battaglia contro le eco mafie.

di Enzo Maddaloni - mercoledì 8 settembre 2010 - 2134 letture

Ucciso Angelo Vassallo, sindaco di Pollica e vicepresidente Cittaslow. Un esempio per il Cilento e per l’Italia nella tutela del territorio e nella valorizzazione dell’agricoltura locale.

Intorno alle due della mattina del 6 settembre 2010 è stato ucciso a colpi di pistola nella sua auto Angelo Vassallo, sindaco di Pollica (Sa).

Il primo cittadino del paese del Cilento era attivo nei progetti Slow Food e vicepresidente del Cittàslow, la rete di comuni che si impegnano nel migliorare la qualità della vita degli abitanti e dei visitatori, trasferendo al governo cittadino le esperienze maturate nel mondo enogastronomico attraverso la rete di Slow Food.

Qualche settimana fa sono stato nel Cilento, e parlavo con alcuni amici del posto del come il Cilento sia sempre stato terra di conquista della camorra, e di come negli ultimissimi anni lo sia diventato ancora di più.

Si rifletteva con questi amici sul fatto, e credo che questo attentato rientra in questo segno dei tempi, che la crisi economica ed i tagli alle pubbliche amministrazioni nonchè l’incapacità per anni di non risucire a spendere le risorse della Comunità Europea in Campania, abbia di fatto penalizzato quella imprenditoria sana e le stesse istituzioni pubbliche come i comuni, aprendo di fatto una "disponibilità di credito", da parte degli stessi cittadini, nei confronti di un "imprenditoria selvaggia" che oggi solo la camorra può finanziare.

Questo omicidio crea il terreno di "consenso politico" a queste azioni di selvaggia di dominio su questo terriotorio dove storicamente anche la non cultura della collaborazione a penalizzato il futuro stesso di questi bellissimi posti.

Nella sostanza questo attentato è il segnale forte di una riconquista di un territorio da parte di queste "nuove disponibilità" a danno della tutela dei diritti dei cittadini e dell’ambiente.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -