Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Attualità e società |

Telefonini contro la salute

Quest’anno per la prima volta, uno studio è stato in grado di indicare che durante l’esposizione alle onde radio come quelle del telefono cellulare (900-megahertz) si verificano cambiamenti molecolari all’interno del corpo.
di massimo oriti - mercoledì 24 giugno 2009 - 2180 letture

Effetti simili in precedenza erano stati trovati in cellule coltivate, ma ora si è in grado di affermare che l’effetto sul corpo umano è identico. (New Scientist 23 Febbraio, 2008, BMC Genomics 2008, 9:77).

Un’esposizione di 24 ore di cellule leucemiche a 900 megahertz potrebbe svolgere un ruolo importante nell’attivare geni in grado di aiutare le cellule cancerose a prosperare. (Marinelli e coll., International Workshop on Biological Effects of Electromagnetic Fields on the Greek island of Rhodes)

Già nel 2002 il famoso ricercatore britannico Tossicologo Molecolare David de Pomerai dell’Università di Nottingham, ha indicato che le onde radio possono causare effetti biologici che non sono dovuti al riscaldamento. De Pomerai insiste che la radiazione non-ionizzante può danneggiare indirettamente il DNA interessando il relativo sistema di riparazione. Se il meccanismo di riparazione del DNA non funziona come dovrebbe, potrebbero accumularsi mutazioni nelle cellule con conseguenze disastrose.

Il corpo umano è uno strumento elettrochimico squisitamente sensibile il cui funzionamento e controllo è sostenuto da processi elettrici oscillatori di vario genere, ciascuno caratterizzato da una frequenza specifica, alcuni molto vicini alle frequenze usate nei GSM. Quindi alcune attività elettriche biologiche endogene possono essere disturbate dalle funzioni oscillatorie delle radiazioni ricevute, più o meno allo stesso modo di quel che succede alla ricezione di una radio.

Le attività elettriche biologiche vulnerabili dalle interferenze delle radiazioni da GSM includono le attività elettriche altamente organizzate a livello del metabolismo cellulare la cui frequenza sembra trovarsi nella regione delle microonde. Una di queste frequenze è quella specifica del processo fondamentale della divisione cellulare!

Quindi, non aspettate i riscontri ufficiali ma cominciate ad agire. L’ideale sarebbe di tenere il cellulare sempre spento e usarlo solo in casi di urgenza. In caso questo non si potesse fare, tenetelo il più lontano possibile dal corpo, utilizzate degli auricolari a filo dopo avergli applicato sopra un piccolo filtro di ferrite (si trova su internet negli Stati Uniti) che impedisce il passaggio delle radiazioni nocive.

Da:http://doctor-max.myblog.it/archive/2009/05/22/telefoni-cellulari.html

Per saperne di più sull’autore: http://www.massimopandiani.com/index.asp


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -