Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Scuola & Università |

Scuola: ’’I’’ come Ignoranza

La bufala delle tre ’’I’’ (Internet, Inglese e Impresa)
di Redazione - mercoledì 7 aprile 2004 - 4246 letture

Tra i vari aspetti deleteri della cosiddetta Riforma Moratti della scuola ve ne sono molti che sono ancora poco conosciuti e che invece andrebbero divulgati per impedire agli artefici di questa pasticciata riforma di riempirsi la bocca con slogans patetici e cifre assurde. Uno di questi riguarda l’insegnamento della cultura tecnologica: molte le "I" sbandierate e promesse (Internet, Impresa etc etc), una sola quella realmente garantita, Ignoranza.

Con il Decreto Legislativo n°59/2004 la disciplina Educazione Tecnica è stata, infatti, eliminata ed sostituita con Tecnologia, che è stata a sua volta accorpata a Scienze nell’ambito di "Matematica, Scienze e Tecnologia", con l’aggravante della riduzione oraria: da 3 ore settimanali dell’attuale Educazione Tecnica, a 1 ora per l’onnicomprensiva Tecnologia.

Con la Circolare 29/04, in via transitoria e nell’attesa della revisione delle classi di concorso, il Ministero dell’Istruzione ha stabilito che i docenti di Educazione Tecnica nell’anno scolastico 2004-2005 verranno impiegati nell’insegnamento di Tecnologia. Per le 2 ore non coperte troveranno impiego in attività ed insegnamenti opzionali, anche laboratoriali. La successiva Circolare 37/04 ha cercato di arginare l’immediata indignazione di circa 17.000 docenti con l’estensione del loro impiego anche al laboratorio (facoltativo per gli alunni!) di informatica. Nel frattempo il Ministero, negli "Obiettivi Specifici di Apprendimento di Tecnologia" ha introdotto l’"Economia domestica", sparita da quarant’anni affidandola all’insegnamento di docenti con lauree in Ingegneria o Architettura! Oltre il danno, quindi, anche la beffa.

Bisogna tenere presente, infatti, che nella Riforma delle tre "I" l’Informatica non esiste come materia curricolare nella scuola secondaria di primo grado, ma viene "spalmata" su tutte le discipline senza nessuno che ne insegni i fondamenti; l’Inglese viene sacrificato anzichè potenziato; l’Impresa (leggi Ed. Tecnica, che fino ad oggi ha spiegato, tra le altre cose, la ricerca e l’uso delle risorse e la loro trasformazione ad opera del settore secondario) è completamente scomparsa. La cultura tecnologica è gettata nella spazzatura però ricompare l’Economia domestica. Si promette Internet, si garantisce taglio e cucito.


L’articolo di Laura Longaretti è stato pubblicato su: www.aprileonline.info

I tag per questo articolo: | |

Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -