Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Sciopero Generale Pubblico Impiego: la Questura di Roma autorizza il corteo

Comunicato Stampa a cura della Usb. Sbloccata l’incresciosa situazione creata da un iniziale divieto della manifestazione per le strade di Roma.
di Redazione Lavoro - venerdì 13 novembre 2015 - 2450 letture

Grazie ad una lunga discussione con la Questura di Roma, si è sbloccata la complicata situazione che aveva portato al divieto di svolgere il corteo per le vie della capitale il prossimo venerdì 20 novembre, durante lo sciopero generale del lavoro pubblico proclamato dalla USB P.I.., con manifestazioni indette anche a Milano e Napoli.

“Non è il percorso che avevamo richiesto – riferisce Pierpaolo Leonardi, dell’Esecutivo Nazionale USB – ma abbiamo deciso che si poteva trovare una soluzione che garantisse il diritto a manifestare anche a Roma e non turbasse eccessivamente il delicato equilibrio della capitale”.

Prosegue il dirigente USB: “Il corteo romano partirà quindi alle 9.30 dal Colosseo, via di San Gregorio, anche per marcare la totale contrarietà al decreto che inasprisce la regolamentazione del diritto di sciopero varato dopo il ‘caso Colosseo’, e raggiungerà il Senato dopo essere passato sotto le finestre del Campidoglio”.

Sottolinea Leonardi: “La USB, nell’esprimere soddisfazione per la soluzione trovata, mantiene un giudizio profondamente negativo sulla Direttiva Prefettizia che intenderebbe regolare lo svolgimento delle manifestazioni a Roma e che rischia di essere ulteriormente inasprita con l’inizio del Giubileo”.

“Ora che il corteo c’è, sarà riempito da lavoratrici e lavoratori pubblici, che faranno arrivare forte la protesta contro la Legge di stabilità del governo Renzi fin sotto il Senato”, conclude Leonardi.

Roma, 12 novembre 2015

Ufficio Stampa USB

Rossella Lamina

Cell. 3474212769

Fax 0654070448

web: http://ufficiostampa.usb.it/

e-mail: ufficiostampa@usb.it


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -