Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Attualità e società |

Salerno-Reggio Calabria: tu chiamale, se vuoi…

Parafrasiamo una canzone famosa di Lucio Battisti perché le emozioni, che si possono vivere nel percorrere l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, possono essere provate con diversi stati d’animo. E poi, per raggiungere l’ultimo chilometro, si ha il tempo di ascoltare tutto il repertorio di Battisti. Anche più di una volta…

di Piero Buscemi - giovedì 18 novembre 2004 - 14359 letture

A3 NAPOLI-SALERNO-REGGIO CALABRIA


Svincolo SPEZZANO TERME direzione REGGIO CALABRIA Lavori/Cantiere - Svincoli Chiusi in Uscita

Tratta SCILLA-REGGIO DI CALABRIA 17:07 Vento forte - Prudenza e maltempo.

Tratta SPEZZANO TERME-TARSIA in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta COSENZA NORD-COSENZA in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta ROGLIANO GRIMALDI-COSENZA direzione NAPOLI Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta ALTILIA GRIMALDI-ROGLIANO GRIMALDI direzione NAPOLI Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta FALERNA-LAMEZIA TERME-CATANZARO in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta LAMEZIA TERME-CATANZARO-PIZZO CALABRO in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta S.ONOFRIO-VIBO VALENTIA-SERRE in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta SERRE-MILETO in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta MILETO-ROSARNO in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta ROSARNO-GIOIA TAURO in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta PALMI-S.ELIA direzione REGGIO CALABRIA Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta SCILLA-VILLA S.GIOVANNI in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta NAPOLI CENTRO-S.GIOVANNI A TEDUCCIO in entrambe le direzioni Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta ERCOLANO PORTICI-TORRE DEL GRECO in entrambe le direzioni Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta TORRE ANNUNZIATA-CASTELLAMMARE DI STABIA in entrambe le direzioni Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta CASTELLAMMARE DI STABIA-SCAFATI direzione REGGIO CALABRIA Restringimento Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta CAMPAGNA-CONTURSI in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta RACCORDO SICIGNANO POTENZA-PETINA in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta PETINA-POLLA in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta POLLA-ATENA LUCANA in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Tratta LAGONEGRO SUD-LAURIA NORD in entrambe le direzioni Scambio di Carreggiata - Possibili rallentamenti con code

Svincolo TORRE ANNUNZIATA in entrambe le direzioni Lavori/Cantiere - Svincoli Chiusi in Entrata/Uscita

Svincolo SAN GIORGIO A CREMANO direzione NAPOLI Lavori/Cantiere - Svincoli Chiusi in Entrata/Uscita Uscita consigliata Ponticelli.

Quella che precede, è una delle tante liste di informazioni sulla viabilità giornaliera che si possono leggere od ascoltare dalle fonti di comunicazione al servizio dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria.

Non molti, però, vi comunicheranno che la durata media del percorso, pari a 443 chilometri, può ammontare da un minino di 6 ore fino a raggiungere le 8, nei casi di traffico intenso accompagnato da condizioni climatiche disagiate. Se si decide, invece, di percorrerla nelle ore notturne o nei fine settimana, quando la presenza dei tir è limitata dalle disposizioni di legge, si può rimanere soddisfatti rientrando nelle 4 ore e mezza.

Pochi vi diranno che, se sono fin troppo evidenti le motivazioni di tali disagi, visto che i cantieri installati sono talmente tanti da non poterli scambiare con alcuna modifica del percorso, la data di fine lavori, anzi usiamo la versione ufficiale "ammodernamento", sembra sia slittata ulteriormente nel tempo. Ulteriormente rispetto al 2008, indicato come l’anno della posa dell’ultima pietra.

Come si sa, qualsiasi dilazione comporta un costo aggiuntivo alla spesa iniziale preventivata e qualcuno dovrà trovare le vie di reincasso di questa "piaga" del bilancio statale che, un buon amministratore, deve far sempre pareggiare, a fine anno. I nostri economi, al Consiglio dei Ministri, hanno già partorito la nuova finanziaria per far collimare tutte le voci del bilancio e la proposta dell’istituzione del pedaggio, giustificherebbe questa ennesima "trappola per topi" italiana. Dove i topi sono gli italiani e la trappola, le promesse contenute nel "Patto con gli Italiani".

Se si prova a percorrerla, questa autostrada invia segnali di infiltrazione malavitosa che neanche l’autoradio al massimo volume, sintonizzata su Isoradio, potrebbe coprire. Su Isoradio, poi, ci si potrebbe chiedere il perché, superata l’uscita di Pontecagnano, provenendo da Salerno, non rientra tra i diritti dei cittadini del Sud. E questo, anche prima che cominciassero i lavori di "ammodernamento". Segnali, dicevamo, che sembrano arrivare solo a chi ha veramente voglia di sentire. Le inchieste condotte dalla magistratura di Catanzaro che avevano coinvolto alcuni funzionari dell’Anas, ricorrendo in alcuni casi all’arresto, non hanno neanche determinato la sospensione dei dipendenti interessati alle indagini che li collegavano al reato di concussione con la camorra. Né si è visto alcun risultato dopo la nascita dell’OsservatorioLegale, che avrebbe dovuto garantire la tutela da infiltrazioni malavitose, se la stessa Anas lo ha ignorato, non partecipando ad alcuna riunione.

Vogliamo tralasciare questo aspetto della vicenda, limitandoci ad informare i nostri lettori che, la Cigl denunciò la presenza "economica" di un imprenditore, affiliato alla camorra, all’interno di almeno due cantieri, un certo Antonio Jovino. La vicenda finì a "sfogliatelle e Lacrima Cristi": fu sostituita la denominazione sugli automezzi, rimasero al lavoro gli stessi dipendenti e ovviamente, la stessa società del camorrista.

Vogliamo soffermarci, invece, sulle conseguenze che, questo giochino delle "irresponsabilità", tra Governo, Anas, Prefetto e Questore di Salerno, ha fatto ricadere sull’automobilista. Giuseppe F. originario campano, ma residente in Sicilia, che questa autostrada la percorre almeno una volta al mese, ci ha raccontato che si è visto recapitare dalla Polizia Stradale, una multa di diverse centinaia di euro per eccesso di velocità. L’infrazione era stata rilevata sul tratto antistante la città di Cosenza, sulla Sa-Rc. Allegata al bollettino di pagamento, c’era una lettera di convocazione e la comunicazione del ritiro della patente, dovuto all’esaurimento del bonus dei venti punti. Su questo punto dell’autostrada, sono visibili diversi cartelli di limite di velocità fissato a 80 km/h e in alcuni tratti, anche di 60 km/h.. Ci guardiamo bene dal contestare l’applicazione delle norme vigenti in ordine di infrazione dei limiti di velocità. Ci permettiamo di evidenziare che su quel tratto, vista la pendenza della strada, il mantenimento del limite sotto gli 80 è garantito solo da un’azione del piede destro sul pedale del freno. Restiamo esterrefatti dalla giustificazione che la PS ha dato sui motivi che hanno indotto a mettere dei limiti così restrittivi di velocità. Sembrerebbe che l’ispezione condotta dalla magistratura per verificare lo stato dei lavori, ha portato alla conclusione che, i materiali utilizzati, gli "avallamenti" del manto stradale, la scarsa segnaletica notturna e di recente, le prime spaccature dell’asfalto, hanno "consigliato" misure di sicurezza che il metodo di "ammodernamento" (scusate l’uso ripetuto di questo sostantivo), non garantiva.

Chiudiamo con qualche dato statistico: 265 km su 443 sono i chilometri appaltati; 384 km sono quelli da completare; 49 km quelli realizzati; 7.105 metri all’anno è la media di andamento dei lavori; sconosciuta la data precisa della fine dei lavori.

Qualcuno, forse troppo catastrofico, ha previsto il 2036. Chissà, se nel frattempo, si possa trovare un cavillo legale per chiedere un risarcimento economico, da parte delle Regioni del sud che vivono di turismo...


- Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
> Salerno-Reggio Calabria: tu chiamale, se vuoi…
19 novembre 2004, di : SEro

Se La sua interpretazione dei fatti ed il suo descrivere le vicende legate al "non ammodernamento" dell’A3 fossero meno intinte di faziosità sinistrorsa - Le assicuro - farebbero più presa sulla collettività e non darebbero adito a dubbio e/o perplessità alcuno. Quando si scrive - a mio avviso - si deve anzitempo decidere se farlo tanto per fare, come fosse una delle classiche ma sempre avvincenti battaglie a perdere, o per sortire un effetto che, a mio modo di vedere, è quello di fare proseliti contro questo o quel governo... legga se stesso!
    > Salerno-Reggio Calabria: tu chiamale, se vuoi…
    1 dicembre 2004, di : Francesco Chiantese

    Il sogno di ogni giornalista è che i commenti ai propri articoli, anche se negativi ovviamente, anche se costruittivi, avessero una firma chiara e leggibile come quella che abitualmente segue l’articolo che si ha avuto la pretesa di contestare. Lo dico a lei per dirlo a tutti. Vogliate del bene a voi ed all’immagine di voi che uno si può fare. Firmatevi.

    Francesco Chiantese