Sei all'interno di >> GiroBlog | Schizzi & Ghiribizzi |

S&G n. 126 - VLS1929. Piazza Daelli e Tangenziale Est

di Franco Novembrini - mercoledì 14 luglio 2021 - 766 letture

Ogni tanto mi corre l’obbligo, visti anche i nuovi lettori, evidentemente dei perditempo di questi miei pezzi, di ricordare che l’acronimo VLS1929 , si riferisce al comune di Villasanta, nato appunto nel ’29 per volere di un gerarca fascista unendo un quartiere di Monza, La Santa ed pezzo di territorio della Provincia di Milano, San Fiorano, i quali benché distanziati di pochi metri e divisi da una linea ferroviaria che porta a Lecco avevano due realtà completamente diverse: residenziale e manifatturiera la prima e agricolo-industriale la seconda. L’acronimo l’ho usato la prima volta perché troppi parlano di questo comune, appena novantenne, come se fosse esistito già nel Medioevo e nel Rinascimento, il che forse spiega la adesione entusiasta dei suoi amministratori al renzismo di questi ultimi anni. anche Renzi ha il pallino’’ del Medioevo e del Rinascimento, avendoli trovati lui, anche in Arabia Saudita. Ho intenzione di usarlo ancora perché penso che così facendo molti abitanti di piccoli comuni italiani vi si possano riconoscere per alcune caratteristiche peculiari del nostro Paese.

Andiamo a cominciare. Si nota un gran fermento costruttivo che in buona parte dipende dal superbonus al 110% voluto dal precedente governo ed inoltre che stanno sistemando in maniera egregia piazza Daelli, uno snodo importante per il traffico automobilistico e per le scuole elementari che vi si trovano. Fino a qui le buone notizie. Giorni fa sono stati messi dei cartelli che avvertivano della Tangenziale Est, della quale rimando ad articoli precedenti, per lavori indispensabili. Il fatto è che gli avvisi erano appiccicati a dei cartelli stradali. quelli che si poggiano i terra per i lavori in corso e nel foglio in formato A4 erano spiegati il motivo e la durata dei lavori. Tutto bene? Manco per niente. Io vorrei che chi ha avuto il colpo di genio di esporli provasse a leggerli dal finestrino laterale di un’auto senza fermarsi e quindi creare delle code alle quali chi seguiva non sapeva dare una ragione. Oltretutto era scritto, io ne avevo letto uno mentre portavo in giro la cagnetta, nel quale si diceva che ne era fatto salvo il traffico locale. Ora cosa capireste per "traffico locale’’? Quello di paese, di quartiere o delle vie adiacenti essendo interessato un sottopasso che unisce due quartieri? No, era inteso che era ammesso quello di tre o quattro condomini ed alcune villette e molti che non avevano capito sono satati obbligati a retrocedere. Spero che in Comune non siano superstiziosi perché ho udito inviti a cambiare mestiere espressi con toni e vocaboli pesanti, dai quali mi dissocio.

Stanno per essere portati a termine i lavori della villetta che dovrebbe ospitare la storica cooperativa "La Speranza’’ che si è distinta fra l’altro per l’aiuto a persone disabili ed alle relative famiglie. Una cosa che non si capisce riguarda, almeno sentendo alcune voci, è quella che l’attuale Giunta potrebbe disdire il servizio per il trasporto di chi è in difficoltà per andare negli ospedali o palestre per la riabilitazione. Spero che non sia vero perché questa pandemia anche se sarà sotto controllo farà aumentare il numero di chi ha bisogno di questi servizi e non mi pare il caso di parlare di cambiamenti di gestione. Debbo portare a conoscenza dei nostri amministratori che l’Arpa ha riscontrato ancora dei livelli di rumorosità e forse di inquinamento da parte di una industria di via Saragat che già era stata multata alcuni mesi fa per gli stessi motivi. Ma credo che gli occhiuti nostri amministratori abbiano già i dati e se volessero condividerli con noi ne saremmo lieti e magari tranquillizzati. Magari le opposizioni potrebbero dare un "aiutino’’.

Altro problema al quale chiedo aiuto alle opposizioni comunali è quello su quanto ancora debba durare, visto che siamo in zona bianca ed il Covid per ora pare sotto controllo. la chiusura degli uffici comunali e che si possa solo comunicare via mail o telefono per ottenere appuntamenti. Ricordo che il Comune è una istituzione che autorizza e controlla le aperture di locali, di uffici e delle scuole e poi lo stesso rimane chiuso.Una contraddizione. Spero che non ci sia una risposta generica come "così fan tutti’’ o che attendiamo il permesso della Regione o del Governo. Il termine Casa del Comune si intende come casa dei cittadini e non credo che ricevere solo su appuntamento debba essere cosa che da provvisoria diventi una regola. Diteci quando sarà possibile avere libero accesso, perché per avere appuntamenti diversi cittadini debbono ottenere permessi o semplicemente obbedire ad una tempistica che pare quelle di una volta di chiedere udienza. Negli articoli che corredano i lavori pubblici in atto vedo troppo spesso le foto di assessori sorridenti come se fossero loro a dirigere i lavori. Per favore si contengano. Poffarbacco. Si contentino della cerimonia del taglianastri. Est modus in rebus.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -