Sei all'interno di >> GiroBlog | L’Uomo Malpensante |

Riccardo Faucci "La Scienza dell’Amor Patrio" (Leo S. Olschki Editore)

Cultura e politica degli economisti italiani dal Risorgimento alla Ricostruzione
di Emanuele G. - mercoledì 17 luglio 2019 - 887 letture

E’ un saggio che definire corposo conferisce al volume una visione riduttiva, molto riduttiva del lavoro svolto dal professore Riccardo Faucci sulla storia delle scienze economiche nel nostro paese dall’Ottocento in poi. "La Scienza dell’Amor Patrio" è uno straordinario affresco di cosa hanno significato le scienze economiche per la storia dell’Italia. Un apporto senza dubbio essenziale e fattivo sotto ogni punto di vista. Il saggio è, pertanto, non il solito studio di storia delle scienze economiche. Piuttosto una storia dell’Italia utilizzando il dibattito facondo e di altissimo livello scientifico occorso negli ultimi secoli in seno alle scienze economiche. Non per nulla si è scelto un titolo che racchiude in sé la mission del volume: "La Scienza dell’Amore Patrio".

Due i pregi, a mio avviso, del succitato volume. Le scienze economiche non sono mai disgiunte dalla visione di un’applicazione mediante un programma politico. Le scienze economiche non vivono in un pianeta a sé, bensì sono ancorate al dibattito civile, culturale e politico del paese. Inoltre, le medesime sono inserite nel piì vasto contesto culturale del paese. Sono naturali, quindi, i rimandi alla politologia, alla sociologia, al diritto, alla filosofia e alla storiografia al fine di formare un corpus coeso e funzionale al governo della Nazione. Governo che significa anche occuparsi di quegli strumenti che uno Statosi dota per addivenire a tale obiettivo. Mi riferisco alla Banca d’Italia e alla Consob.

Il volume è diviso in quattro parti. Una prima parte si occupa di quelle personalità del mondo scientifico italiano che l’autore considera fondamentali per l’economia della propria attività di ricerca. Ad esempio, Francesco Ferrara. La seconda partizione, invece, sviluppa il suo ragionamento attorno la scuola di Torino e in particolar modo di Luigi Einaudi. Più orientata sulla letteratura la terza parte che disamina in maniera ampia i rapporti fra le scienze economiche e la letteratura. Viesseux e "Voce" in primis. Infine, la quarta parte la cui mission è di investigare i rapporti fra le scienze economiche liberal-liberiste e le crisi, la ripresa del riformismo economico negli anni del centro-sinistra e valutazioni sulla storia del pensiero economico nel nostro paese.

Un saggio di notevole caratura costruito in modo esemplare e con un linguaggio non da adetti ai lavori. L’economia vista non come un mondo a sé, ma quale "item" e "tool" al centro di un complesso sistema scientifico, storico e di programmazione governativa. "La Scienza dell’Amor Patrio" è un saggio che "illumina" su molti aspetti delle scienze economiche italiane e le rende intelleggibili ancorandole alla realtà storica. Un volume prezioso.

- Sito della casa editrice:

Leo S. Olschki Editore

- Photo credits:

La foto di copertina ci è stata fornita dalla casa editrice


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -