Sei all'interno di >> GiroBlog | Quisquilie & pinzellacchere |

Quisquilie&Pinzellacchere n. 140 - Politicando in pillole (3)

di Franco Novembrini - mercoledì 31 marzo 2021 - 776 letture

Questa settimana invece delle solite promesse che il governo Draghi promette , faremo, vedremo, apriremo chiudendo, vaccineremo senza vaccini e il povero Figliuolo che in Umbria manda un medico e due infermieri che risolveranno tutto, voglio iniziare cantando le gesta della pelide Marianna Madia contro la troiana Debora Serracchiani per la conquista della carica di capogruppo, nientepopodimenoche, del PD alla Camera dei deputati. Lo so che con il mio diploma di quinta elementare non sono certo un Omero all’altezza della sfida, ma ci provo.

La napolitan-renzista Marianna Madia con laurea alla Sapienza di Roma e un’altra praticamente copiata all’Istituto Studi avanzati di Lucca dove si dice che abbia usato molte pagine già editate da altri facendole credere sue, vuole il posto di capogruppo alla Camera ed accusa il collega Delrio di preferirgli tale Debora Serracchiani, che dopo un exploit ad un comitato centrale del PD nel quale minacciava la vecchia guardia, ha avuto importanti incarichi come presidente del Friuli-Venezia Giulia, eurodeputata e ora vice segretaria del partito e deputata alla Camera. Capirete che questa lotta interessa moltissimo l’Italia ma sopratutto i due mandanti che sono appunto Renzi e Delrio. Qualcuno ha detto perché invece di partecipare a questa ordalia non si ritirano entrambe. Io sono d’accordo ed anzi ponza e riponza vorrei contribuire proponendo al loro posto una terna di nomi che potrebbero arricchire il panorama politico italiano.

In parole povere vorrei che si votasse su dei nomi prestigiosi come Laura Boldrini che al momento è stata lasciata sola, Emma Bonino, da poco uscita a testa alta, turbante compreso, da + o -Europa e Carl(a) Calenda, sono certo che nessuna delle tre si tirerebbe indietro. Ci sarebbero dei problemini di cambi di genere e di casacca ma che volete che siano quisquilie e pinzellacchere, appunto.

RENZI, UNO, TRINO E QUATTRINO - Renzi ha la mania di voler imitare in trentaduesimo il suo vero maestro, Berlusconi. Molti hanno notato che cerca soldi e potere con qualsiasi mezzo andando e facendosi fotografare con il peggio del peggio al mondo. Ricordate quando Berlusconi invitava Gheddafi, andava da Putin e parlava in italiano con Erdogan, ecco lui nel suo piccolo fa la stessa cosa. Ci sarebbe anche i guai giudiziari ed aver fondato un partito, lasciando in un altro la sua quinta colonna. Pensate a Marcucci, Migliore, Madia ed anche, per certi versi Delrio, il quale da vecchio democristiano sta abbandonando la banda in attesa di migliori tempi e prebende. Molto scalpore ha destato la presenza del genio di Rignano al Gran premio del Barhein di F1. Subito tutti a bacchettare e pochi hanno notato che i tempi coincidevano con il periodo necessario per la seconda iniezione del vaccino anticovid fatto nella precedente visita. Non voleva che una dose fosse sprecata, tutto lì. La distanza da casa al Barhein è notevole ma anche in Lombardia non scherzano con i luoghi di vaccinazione.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -