Sei all'interno di >> GiroBlog | Spazio precario |

"Quelli della Bassa"

"Figli del sud, questi operai, figli di una terra incapace di dare lavoro sicuro..."
di Letizia Tassinari - mercoledì 19 dicembre 2007 - 2939 letture

Un pensiero su cui riflettere, tutti.

"E’ stata atroce la morte dei poveri operai della Thyssenkrupp. Bruciati vivi come i loro sogni e le speranze di dare un futuro migliore ai propri figli. Bruciati come il tenero desiderio di regalare, grazie a qualche ora di straordinario in più, qualcosa di bello ai propri familiari per il prossimo Natale.

Figli del sud, questi operai, figli di una terra incapace di dare lavoro sicuro.

Vorrei ricordare a coloro che, con disprezzo, catalogano sbrigativamente "quelli della bassa" come portatori di mafia e camorra, che il nascere in una terra ricca e priva di delinquenza non è un merito. E’ solo fortuna, caso.

Mi inchino davanti a questa povera gente che ha avuto la sventura di nascere e lavorare in un Paese ormai allo sbando privo di regole morali,incapace di difendere la gente per bene, i lavoratori onesti,quelli che sacrificano la propria vita per un pugno di euro al mese. Come me dovrebbero farlo tutti coloro che hanno un lavoro sicuro, che si lamentano se un giorno il riscaldamento non funziona, se il condizionamento non va, se la carta manca.

Povera gente questi operai.

Sfruttati. Costretti a scioperare per 30 euro in più al mese mentre i nostri governanti, spesso condannati per corruzione, si aumentano periodicamente le indennità.

Morti da soli come poveri, grandi eroi di un paese che non ne merita il sacrificio."

Gian-Carlo Iannella Direttore dell’Inps Viareggio


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -