Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

Primavera

di Pina La Villa - domenica 23 marzo 2008 - 1922 letture

La parola equinozio deriva dal latino e significa "notte uguale". Il Sole, nel suo moto annuo lungo l’eclittica, al momento dell’equinozio di primavera (verso il 22 marzo) viene a trovarsi esattamente sull’equatore celeste nel punto gamma. L’arco diurno è lungo quanto l’arco notturno (il giorno è uguale alla notte).

L’equinozio di primavera segna, astrologicamente, l’inizio dei mesi, il capo del ciclo, e inizio del corso planetario. Ogni anno, segna l’arrivo della stagione della rinascita, l’avvio di un ciclo vitale.

L’arrivo della primavera dipende dall’emisfero in cui ci troviamo, ma dappertutto uomini e donne lo celebrano con feste e riti. La festa più antica, quella dalla quale in qualche modo hanno avuto origine tutte le altre, compresa la nostra Pasqua, è stata rintracciata in India, dove si celebrava la rinascita della primavera con orge gioiose.

Un ricordo di questa gioia c’è ancora nella Pasqua di alcuni centri siciliani, quando, a mezzogiorno della domenica, una Madonna raggiante e un Cristo trionfante si incontrano nella piazza del paese mentre inizia la maschittiata, cioé i fuochi d’artificio. La vita ha ancora una volta sconfitto la morte. Nel mio paese alla Madonna viene tolto dal capo un velo nero e appare la sua statua di giovinetta col mantello azzurro e le guance rosa, mentre la statua del Cristo lo raffigura magro, barbetta sottile su un viso affilato, la mano destra alzata in un segno che è insieme di trionfo e benedizione.

Quest’anno la Pasqua cade esattamente due giorni dopo l’equinozio, il 23 marzo, perché è la prima domenica dopo la prima luna piena che fa seguito all’equinozio di primavera, e quest’anno la luna piena è stata esattamente venerdi 21 marzo. Ecco perché Pasqua è una data mobile nel calendario, ma questo significa anche che non può essere la data della morte di alcun personaggio storico. E’ però il ricordo di un antico e gioioso desiderio, quello di rinascere, ogni anno, nel profumo della terra e nei colori del cielo.


Rispondere all'articolo - Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Primavera
25 marzo 2008

le nozioni sulla primavera sono chiare e ovvie, indiscutibili e perciò trascurabili...mi preme ricordare all’ autrice del subdolo articolo che il giorno della Pasqua cristiana è volutamente mobile. Volutamente viene fissato di anno in anno (nella domenica successiva al primo plenilunio successivo all’Equinozio di Primavera, che è il 21 marzo). Il fatto storico, che non è semplicemente la morte di un personaggio storico, ma la sua resurrezione, non mi sembra sia negato da questa mobilità di data.