Sei all'interno di >> Flash |

Persone: Sandra Milo

di redazione cinema - lunedì 29 gennaio 2024 - 656 letture

La notizia è stata data dalla famiglia: l’attrice si è spenta nella sua abitazione e tra l’affetto dei suo cari come aveva richiesto. Musa del regista Federico Fellini, tra i suoi film ricordiamo Adua e le compagne, Fantasmi a Roma, Giulietta degli spiriti, Il generale Della Rovere e soprattutto, 8½, premiato con l’Oscar.

Dopo le pellicole con Fellini recitò anche in Frenesia dell’estate (1963), La visita (1963), Le voci bianche (1964), L’ombrellone (1965), Ho una moglie pazza, pazza. In seguito anche in T’ammazzo!… Raccomandati a Dio (1968).

Tra i suoi 70 film spiccano anche le collaborazioni con Pupi Avati, Gabriele Salvatores fino e Gabriele Muccino. Nel 2021 viene premiata con un David di Donatello alla carriera.

Sandra Milo è entrata anche nella storia della televisione italiana conducendo molti programmi tra cui L’amore è una cosa meravigliosa e Cari genitori. Nel 1992-1993, condusse anche il varietà domenicale Giorno di festa.

Sandra Milo (Elena Liliana Greco) è un’attrice tunisina, è nata il 11 marzo 1933 a Tunisi (Tunisia) ed è morta il 29 gennaio 2024 all’età di 90 anni a Roma (Italia). Nel 2021 ha ricevuto il premio alla carriera al David di Donatello. Dal 1964 al 2021 Sandra Milo ha vinto 3 premi: David di Donatello (2021), Nastri d’Argento (1964, 1966).

FILMOGRAFIA

Lo scapolo, regia di Antonio Pietrangeli (1955)
 Eliana e gli uomini (Elena et les Hommes), regia di Jean Renoir (1956) – non accreditata
 Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
 Moglie e buoi..., regia di Leonardo De Mitri (1956)
 Le avventure di Arsenio Lupin (Les aventures d’Arsène Lupin), regia di Jacques Becker (1957)
 La donna che venne dal mare, regia di Francesco De Robertis (1957)
 Lo specchio a due facce (Le Miroir à deux faces), regia di André Cayatte (1958)
 Totò nella luna, regia di Steno (1958)
 Erode il Grande, regia di Arnaldo Genoino e Viktor Turžanskij (1959)
 Vite perdute, regia di Adelchi Bianchi e Roberto Mauri (1959)
 Appuntamento con il delitto (Un témoin dans la ville), regia di Édouard Molinaro (1959)
 Furore di vivere (Le chemin des écoliers), regia di Michel Boisrond (1959)
 Il generale Della Rovere, regia di Roberto Rossellini (1959)
 La giumenta verde (La jument verte), regia di Claude Autant-Lara (1959)
 Asfalto che scotta, regia di Claude Sautet (1960)
 Adua e le compagne, regia di Antonio Pietrangeli (1960)
 Gli scontenti, regia di Giuseppe Lipartiti (1961)
 Fantasmi a Roma, regia di Antonio Pietrangeli (1961)
 Vanina Vanini, regia di Roberto Rossellini (1961)
 Il giorno più corto, non accreditata, regia di Sergio Corbucci (1963)
 8½, regia di Federico Fellini (1963)
 Chi vuol dormire nel mio letto? (Méfiez-vous, mesdames!), regia di André -Hunebelle (1963)
 La visita, regia di Antonio Pietrangeli (1963)
 Frenesia dell’estate, regia di Luigi Zampa (1963)
 Le voci bianche, regia di Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa (1964)
 Il generale, episodio di Amori pericolosi, regia di Alfredo Giannetti (1964)
 Ho una moglie pazza, pazza, pazza (Relaxe-toi chérie), regia di Jean Boyer (1964)
 ...poi ti sposerò (Un monsieur de compagnie), regia di Philippe de Broca (1964)
 Le belle famiglie, regia di Ugo Gregoretti (1964)
 Una donna dolce dolce, episodio di La donna è una cosa meravigliosa, regia di Mauro Bolognini (1964)
 Giulietta degli spiriti, regia di Federico Fellini (1965)
 L’ombrellone, regia di Dino Risi (1965)
 Come imparai ad amare le donne, regia di Luciano Salce (1966)
 La notte pazza del conigliaccio, regia di Alfredo Angeli (1967)
 Per amore... per magia..., regia di Duccio Tessari (1967)
 Bang Bang Kid, regia di Giorgio Gentili (1967)
 T’ammazzo!... Raccomandati a Dio, regia di Osvaldo Civirani (1968)
 Riavanti... Marsch!, regia di Luciano Salce (1979)
 Tesoromio, regia di Giulio Paradisi (1979)
 Doppio sogno dei Sigg. X, regia di Anna Maria Tatò (1980)
 Grog, regia di Francesco Laudadio (1982)
 "FF.SS." - Cioè: "...che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?", regia di Renzo Arbore (1983)
 Cenerentola ’80, regia di Roberto Malenotti (1984)
 Camerieri, regia di Leone Pompucci (1995)
 Il cuore altrove, regia di Pupi Avati (2003)
 Chi nasce tondo..., regia di Alessandro Valori (2008)
 La perfezionista, regia di Cesare Lanza (2009)
 Sleepless, regia di Maddalena De Panfilis (2009)
 Impotenti esistenziali, regia di Giuseppe Cirillo (2009)
 W Zappatore, regia di Massimiliano Verdesca (2010)
 Happy Family, regia di Gabriele Salvatores (2010)
 Flaiano - Il meglio è passato, regia di Giancarlo Rolandi (2010) – documentario
 Mai senza - L’amore e la sessualità nella terza età, regia di Ciro Zecca (2011) – documentario
 Baci salati, regia di Antonio Zeta (2012)
 Impepata di nozze - Sposarsi al sud è tutta un’altra storia..., regia di Angelo Antonucci (2012)
 Una notte agli studios, regia di Claudio Insegno (2013)
 Ballando il silenzio, regia di Salvatore Arimatea (2013)
 Con tutto l’amore che ho, regia di Angelo Antonucci (2014)
 Camminando nel cielo, regia di Angelo Antonucci (2015)
 Prima di lunedì, regia di Massimo Cappelli (2016)
 Il velo di Maya, regia di Elisabetta Rocchetti (2017)
 Salvatrice, regia di Giorgia Würth (2017)
 Felicissime condoglianze, regia di Claudio Insegno (2017)
 A casa tutti bene, regia di Gabriele Muccino (2018)
 Un nemico che ti vuole bene, regia di Denis Rabaglia (2018)
 Eclissi, regia di Valerio Carta (2019) cortometraggio
 Nemici, regia di Milo Vallone (2020)
 Free - Liberi, regia di Fabrizio Maria Cortese (2020)
 Il materiale emotivo, regia di Sergio Castellitto (2021)
 Che bella storia la vita, regia di Alessandro Sarti (2023)
 Il più bel secolo della mia vita, regia di Alessandro Bardani (2023)
 Roma, santa e dannata, regia di Daniele Ciprì – documentario (2023)


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -