Sei all'interno di >> Flash |

Novello Novelli RIP



giovedì 11 gennaio 2018 , Inviato da Redazione - 959 letture

È morto all’età di 88 anni l’attore Novello Novelli. Originario di Poggibonsi dove era nato nel 1930, Novello Novelli è stato interprete di teatro e di numerosi film tra gli anni ’80 e 2000. Fra questi, ricordiamo Caruso Pascoski di Nuti, Benvenuti in Casa Gori e Cari Fottutissimi Amici di Mario Monicelli, Miracolo Italiano di Oldoini, Il signor Quindicipalle sempre di Nuti, La mia vita a Stelle e Strisce di Ceccherini.

Nella sua lunga carriera ha lavorato con Alessandro Benvenuti, Ornella Muti, Renato Pozzetto, Alessandro Haber, Leonardo Pieraccioni e Alessandro Paci. È stato uno dei soci fondatori della Fondazione dei Maledetti Toscani, oltre che allenatore dell’omonima squadra di calcio. Da tempo era ricoverato in una casa di cura.


Accade a volte che una fisionomia, un viso, per un qualche misterioso motivo, riescano a esprimere molto di più che mille parole o battute. Accadeva così per il viso di Novello Novelli, che era tutto lì: lui, con il suo viso, era la toscanità in persona - qualsiasi cosa sia questa toscanità e qualsiasi cosa voglia dire. Non ha avuto, Novello Novelli, la fortuna di essere stato in un tempo cinematografico poco favorevole agli attori e ai caratteristi; i registi e gli attori-trainer che lo usarono hanno appartenuto al cinema italiano di mezzo, mediocre e bonaccione, più pasticcione (anche in senso cinematografico) che piacione, con forse una sola eccezione (Ad ovest di Paperino). Eppure bastava il suo viso, la sua presenza in una qualsiasi pellicola, perché improvvisamente quella scena, quella parte del film, assumesse una profondità maggiore. Il suo viso era capace di una dilatazione spaziale, di dare profondità alla scena. La sceneggiatura poteva veleggiare sul piatto andante senza ritorno, ma in quella scena il suo viso portava lo spettatore nella realtà della maschera. Ci si affacciava sull’orlo del dirupo - la realtà vera, quelle delle periferie e della vita quotidiana -, con un piglio ironico e grottesco che all’improvviso poteva persino far sfiorare il dubbio allo spettatore: ma vuoi mettere che forse questo film non è così sciapo e superficiale come appare, ma forse che forse...? Grazie Novello, per averci dato il segno della tua presenza in tempi cinematografici che sono stati bui e con così poco da ridere.



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica