Sei all'interno di >> GiroBlog | L’Uomo Malpensante |

Notizie dal Fonte Sud: La crisi della Fratellanza Musulmana in Europa (parte quinta)

Abbiamo già ospitato Samir Amghar nel nostro giornale online. Oggi lo abbiamo intervistato in quanto ci presenta un suo articolo-inchiesta sulla crisi della Fratellanza Musulmana in Europa.

di Emanuele G. - mercoledì 25 gennaio 2017 - 3374 letture

Grazie a Samir Amghar abbiamo avuto l’occasione negli ultimi anni di puntare la nostra attenzione sulla complessa galassia dell’islamismo radicale e jihadista.

Un mondo da investigare senza se e senza ma in modo da ottenere preziose informazioni sul come migliorare l’interazione con il mondo arabo e combattere con più appropriatezza il terrorismo di natura jihadista.

Qualche tempo fa Samir Amghar ha espletato un’interessantissima inchiesta sulla Fratellanza Musulmana in Europa e sul periodo di estrema crisi che sta attraversando (*). Un’avvisaglia di particolare importanza per l’avvenire della presenza islamica nel nostro continente? Cosa significa questa crisi? E’ in atto in alcune frange dell’Islam un processo di secolarizzazione?

Su questi interrogativo ed altro ancora ci ha risposto proprio l’autore dell’articolo-inchiesta.

Prima di passare all’intervista ecco una brevissima scheda biografica di Samir Amghar. E’ dottore in sociologia all’Ecole d’Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi (EHESS) dove ha svolto ricerche approfondite sul salafismo. Inoltre, è ricercatore al Centre d’Etudes et de Recherches Internationales (CERIUM) dell’Università di Montreal nonché consulente del Ministero della Difesa svizzero.

Da dove nasce l’idea di scrivere questo articolo ?

“E’ da anni che sviluppo un’azione di ricerca sulla Fratellanza Musulmana in Europa. Nel corso di tutti questi anni ho notato che un numero sempre maggiore di Fratelli Musulmani abbandonavano l’organizzazione. E attenzione…non semplici militanti, ma dei quadri e personalità importanti. Per esempio Kamel Helbawi portavoce dei Fratelli Musulmania. Anzi il fondatore della Fratellanza Musulmana in Inghilterra! O in Belgio dove Micael Pivot islamologo di fama internazionale ha lasciato il movimento.”

L’articolo si fonda su un’inchiesta?

“Certamente. Nel mio lavoro di inchiesta, cerco di essere sempre calato nella realtà attraverso osservazioni o interviste. L’empirismo è fondamentale nell’organizzazione delle mie ricerche. Anche se tale inchiesta si trasforma in seguito in un articolo, è il risultato di parecchi mesi di lavoro sul terreno.”

Perché avete scelto i Fratelli Musulmani come obiettivo del vostro articolo-inchiesta?

“I Fratelli Musulmani hanno una lunga storia nel mondo arabo e sono considerati il movimento più importante in Europa. Per lo meno il più strutturato, ecco… Inoltre, è il movimento che ha un’azione più intensa. Si tratta di una branca dell’Islam contemporaneo che è visto alla stregua di matrice originaria del jihadismo. Tuttavia, è utile ricordare che loro sono per l’integrazione dei musulmani in Europa. Sono i paradossi che volevo mettere in evidenza. Anche perché si presenta tale organizzazione come molto strutturata e organizzata. Una falsa credenza. C’è molta improvvisazione e fai da te in tutto questo.”

Allora i Fratelli Musulmani sono in crisi?

“Sai, nonostante si presentino come un’organizzazione molto influente. E’ una doppia crisi. Da una parte una tipica crisi di millenarismo. I Fratelli Musulmani sono incapaci di tenersi i propri militanti. Molti lasciano l’organizzazione poiché stanchi di anni e anni di indottrinamento e coinvolgimento. Dall’altro, una crisi ideologica. I Fratelli Musulmani non sono capaci di avere una ideologia propria e un progetto sociale in quanto il fine è sempre lo stesso: l’Islam è la soluzione.”

Quale l’apporto della Fratellanza Musulmana all’integrazione dei musulmani in Europa?

“Quello che è estremamente presso i Fratelli Musulmani è che invogliano all’integrazione dei musulmani nel nostro continente. Un’integrazione sociale, politica, culturale ed economica che si fonda sul concetto di cittadinanza. E’ importante sottolineare che i Fratelli Musulmani sono i primi ad aver espresso la volontà di integrazione dei musulmani. Ma dall’altro lato, per nulla hanno abbandonato una lettura rigida e rigorosa dell’Islam. Sono in realtà dei musulmani ortodossi che considerano, per esempio, il portare il velo come parte integranti delle prescrizioni religiose.”

Quali i legami dei Fratelli Musulmani con la politica ?

“In Europa, i Fratelli Musulmani rifiutano di organizzare partiti politici, ma invitano i loro membri ad integrarsi nei partiti politici che già esistono. L’esempio più famoso è quello di Khalid Chawki che è deputato del Partito Democratico in Italia. Tuttavia lui ha rotto con i Fratelli Musulmani e li critica piuttosto vivacemente. Allo stesso tempo, in Europa i Fratelli Musulmani intrattengono dei legami molto stretti con i partiti islamisti arabi. E’ il caso di Oussama Sghair che fu membro del consiglio della gioventù per il pluralismo religioso presso i ministeri italiani all’interno e della gioventù. E’ attualmente porta-parola di Ennahdha. Questa ambivalenza è stata molto ben analizzata dalla mia collega Valentina Colombo.”

Quale l’avvenire dei Fratelli Musulmani in Europa?

“E’ difficile tracciare l’avvenire dei Fratelli Musulmani europeo. Attualmente c’è un forte dibattito al loro interno e penso che, con il passare del tempo, tenderanno a secolarizzarsi e ad adeguarsi alle società europee. Rischiano, allo stesso tempo, di ripercorrere il destino dei partiti democratico-cristiani in Europa dove la religione non è più la norma da imporre, ma un’etica que informa le azioni politiche”

(*) Link all’originale dell’articolo-inchiesta:

Disillusioned militancy: the crisis of militancy and variables of disengagement of the European Muslim Brotherhood

Abbiamo pubblicato su Samir Amghar:

- Samir Amghar “Le Salafisme d’Aujourd’hui – Mouvement Sectaires en Occident” (Michalon) (recensione);

- AA.VV. a cura di Samir Amghar “Les Islamistes au Defi du Pouvoir” (Michalon) (recensione);

- L’Europe au defi des islamistes (intervista);

- A la decouvert de la galaxie du Salafisme (intervista);

- Samir Amghar "Pour les Etats-Unis, les islamistes sont-ils devenus des Frères ?" (articolo di Samir Amghar);

- Samir Amghar "Les limites de la stratégie répressive de lutte contre le jihadisme" (articolo di Samir Amghar).

CREDITS: La foto di copertina riguardante il libro di Rodolfo Graziani "Fronte Sud" è presa dal sito http://i.ebayimg.com.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -