Sei all'interno di >> Flash |

Morto lo scrittore e regista finaldese Jörn Donner

di Redazione - venerdì 31 gennaio 2020 - 656 letture

Lo scrittore e regista finlandese Jörn Donner, amico, biografo, collaboratore e produttore Ingmar Bergman, tra i primi a denunciare al cinema "il potere dei maschi", è morto oggi in un ospedale di Helsinki, per le complicazioni di una malattia polmonare, all’età di 86 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla famiglia. Era nato a Helsinki il 5 febbraio 1933 e ha unito in una lunga carriera l’attività di narratore con quella di cineasta. Autore della monografia "Il volto del diavolo" sul regista Bergman, Donner esordì in patria nel cortometraggio. In Svezia diresse l’attrice Harriet Andersson nel film "Una domenica di settembre" (1963, che ottenne il premio Opera Prima alla Mostra del Cinema di Venezia) e in "Amare" (1964), di nuovo in concorso a Venezia. Con la stessa attrice girò altri tre film in Finlandia, tra cui "Qui comincia l’avventura", e nel 1967 ha fondato una casa di produzione. Donner è stato tra l’altro il produttore di "Fanny & Alexander" (1982) di Bergman. Nel 1978 è tornato alla regia con "Gli uomini non si possono violentare", decisa presa di posizione contro le sopraffazioni della società maschilista. È autore di una quarantina di film. Donner esordì come scrittore: il radicalismo giovanile emerge dai libri di viaggio "Rapporto da Berlino" (1958) e "Rapporto dal Danubio" (1962), diluito in seguito in un criticismo "costruttivo", come dimostra "Il nuovo libro sul nostro paese" (1967).

- See more at: http://www.rainews.it/


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -