Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | MoVimento 5 Stelle Lentini |

MoVimento 5 Stelle - Chiarimenti a seguito di rapporto sollevato dalla Polizia Giudiziaria per esecuzione di opere edilizie abusive in zona Grotte San Giorgio Lentini SR

"Premesso che nel territorio di Lentini al confine con il territorio catanese (ed esattamente in zona Grotte San Giorgio) insite una discarica di proprietà della ditta Sicula Trasporti S.r.l., le cui geometria e capienza delle vasche sono in fase di ampliamento";
di Giuseppe Castiglia - martedì 27 giugno 2017 - 3064 letture

JPEG - 101.7 Kb
ARS 1
JPEG - 167.6 Kb
ARS 2
JPEG - 113.2 Kb
ARS 3

ARS REPUBBLICA ITALIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA

• Alla Soprintendenza di Siracusa dott.ssa Panvini

• Alla Soprintendenza di Catania dott.ssa Patané Maria Grazia

• E p.c. Al Sindaco dei Comune di Lentini

Oggetto: Chiarimenti a seguito di rapporto sollevato dalla Polizia Giudiziaria per esecuzione di opere edilizie abusive in zona Grotte San Giorgio.

I sottoscritti On.li Angela Foti, Gianina Ciancio, Giampiero Trizzino e Stefano Zito nella qualità di deputati della XVI Legislatura A.R.S..

Premesso che nel territorio di Lentini al confine con il territorio catanese (ed esattamente in zona Grotte San Giorgio) insite una discarica di proprietà della ditta Sicula Trasporti S.r.l., le cui geometria e capienza delle vasche sono in fase di ampliamento;

Rilevato

Che l’iter autorizzativo di tale ampliamento della cubatura pare sia irregolare (e sul punto è stato peraltro già presentato regolare esposto alla Procura):

Che in alcune particelle su cui sono al momento in atto degli interventi, non vi è alcun titolo autorizzativo di ampliamento (Particella ii. 679 e altre del F. 20) e dove, invece, la ditta Sicula Trasporti S.r.l. effettua movimenti di terra. sbancamenti notevoli e scavi in aree in parte protette da vincolo paesaggistico in violazione delle norme del D.P.R. 380/2001 T.U. in materia edilizia, e del D.lgs 42/2004 come prontamente segnalato nel rapporto redatto dalla Polizia Giudiziaria a seguito di sopralluogo sulle aree in questione, ed estratto dall"Elenco rapporti di polizia giudiziaria inerenti le opere edilizie realizzate abusivamente del periodo dal 01.05.2017 al 31.05. 2107".

Considerato

Che ancora oggi le attività di cui sopra, e per cui è stato sollevata segnalazione dalla P.G., sono regolarmente svolte, nonostante il rilievo mosso dall’organo di controllo e l’assenza di qualsiasi titolo abilitativo, in totale spregio delle basilari regole edilizie, ambientali e paesaggistiche posto che gli interventi insistono, in parte, su di una zona sottoposta a vincolo paesaggistico oltre che in prossimità di centri abitati.

Che alcune delle particelle interessate dai movimenti ed escavazioni rientrano nelle aree di cui alle "Norme di attuazione Piano Paesaggistico di Siracusa" e precisamente nell’area indicata all’art. 21, la., e rientrante nel Livello di Tutela 1, ove si dovrebbe operare nel totale rispetto dei caratteri agricoli del paesaggio, nonché contenere al massimo le nuove costruzioni che dovranno comunque essere a bassa intensità e di dimensioni tali da non alterare il paesaggio agricolo e i caratteri specifici del sito. Le stesse Norme di attuazione inoltre prevedono che in tale aree vengano rispettati i valori percettivi del paesaggio e delle emergenze geomorfologiche. Tutte prescrizioni, insomma, che mal si adattano con l’ampliamento e modifica della geometria di alcune vasche di una discarica, per lo più non autorizzata.

Tutto ciò premesso, rilevato e considerato, i sottoscritti On.li Angela Foti, Gianina Ciancio, Giampiero Trizzino e Stefano Zito

CHIEDONO

- se le S.L. sono a conoscenza di quanto rilevato dalla P.G. e registrato nell’elenco delle opere edilizie abusive, e se si è già provveduto a volere porre rimedio alla incresciosa vicenda che potrebbe sconfinare in una grave responsabilità civile e/o penale per tutti gli organi coinvolti che non si siano tempestivamente attivati per arginare il potenziale danno ambientale e paesaggistico derivante dall’esecuzione di escavazioni, movimentazione di ingenti quantità di terra e sbancamenti su aree sottoposte a vincolo. Il tutto è stato eseguito senza alcuna preventiva disamina degli impatti sulla flora e sulla fauna, né è stata considerata in prospettiva l’immissione di fumi e odori e l’impatto negativo che queste immissioni avranno sulle abitazioni limitrofe, né infine è stato in alcun modo valutata l’interferenza che tale tipo di intervento possa avere sui pozzi e sulle falde acquifere esistenti in loco.

- di sapere, nel caso in cui le S.L. abbiano già provveduto, quali siano stati gli interventi posti in essere e l’iter messo in atto.

Certi di un vostro riscontro, porgiamo i nostri più cordiali saluti,

Palermo. li 26 giugno 2017

On.le Gianina Ciancio On.le Angela Foti On.le Giampiero Trizzino On.le Stefano Zito

PDF - 181.5 Kb
GC04 - Chiarimenti a seguito di rapporto sollevato dalla Polizia Giudiziaria per esecuzione di opere edilizie abusive in zona Grotte San Giorgio


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Versione per la stampa Versione per la stampa
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio

:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica