Sei all'interno di >> GiroBlog | L’Uomo Malpensante |

Marco Almagisti “Una Democrazia Possibile” (Carocci Editore)

Come si articolano politica e territorio nell’Italia contemporanea? Il saggio del prof. Marco Almagisti fornisce importanti riflessioni in merito.
di Emanuele G. - lunedì 26 settembre 2016 - 2206 letture

Prima di tutto, alcune note biografiche sull’autore. Il prof. Marco Almagisti insegna Scienza politica all’Università di Padova e coordina, con Carlo Baccetti, lo standing group “Politica e storia” della Società italiana di Scienza politica (SISP). È responsabile con Giovanni Viafora del progetto Il voto sotto esame del “Corriere del Veneto” in collaborazione con il Centro “Giorgio Lago” dell’Università di Padova.

Il titolo del pregevole saggio del prof. Almagisti ha suscitato in me un interesse particolare. Perché “possibile” e non “certa”? Siamo già in una fase in cui noi tutti sentiamo che la nostra democrazia non è “certa” bensì semplicemente “possibile”? Se dovessimo accettare tale impostazione dovremmo preoccuparci in quanto vivere in una democrazia non più “certa” non è una sensazione positiva. Invece, se per “possibile” intendiamo un percorso di lenta, ma sicura implementazione della democrazia allora la situazione cambia del tutto il suo punto di riferimento.

Il saggio che sto recensendo parte da tutta una serie di riflessione poste in essere negli ultimi quindici anni dall’autore. Si parte da un’analitica carrellata su alcuni aspetti teorici rilevanti della Scienza Politica per poi usarli similmente a cartine di tornasole per comprendere meglio le dinamiche politiche succedutesi nel nostro paese negli ultimi decenni. Dinamiche politiche che hanno come contraltare il territorio in quanto è proprio sul territorio che esse – mi riferisco alle dinamiche politiche – che si evidenziano e si implementano.

Vi sono alcuni concetti basilari presenti nel saggio e che lo informano in maniera profonda ed estesa. I concetti di capitale sociale, di “accountability” (controllo), di “responsiveness” (risposta), di ancoraggio e di incapsulamento. Concetti che permettono al prof. Almagisti di condurre un’approfondita analisi delle dinamiche politiche italiane. Soprattutto in riferimento agli attori del processo politico quali partiti politici, gruppi di interesse e movimenti sociali.

Di rimarchevole pregio è il capire i fenomeni di ancoraggio e disancoraggio della democrazia. Se si parte dalla “costruzione della democrazia” allora avremo “linee di conflitto”, “incapsulamento” (partiti), “democratizzazione” (ancoraggio” e, infine, “democrazia”. All’opposto quando ci troviamo in una fase di transizione a nuovi assetti abbiamo una “qualità della democrazia” evidentemente scadente, “disancoraggio”, “crisi dei partiti” e “nuove linee di conflitto”. Attualmente l’Italia si trova nella seconda situazione ossia quella di disancoraggio.

I processi politici si inseriscono, inoltre, in una realtà, quale è quella italiana, dove esistono molti “clevage” (ossia fratture). Esse, le fratture, sono le seguenti: centro-periferia, Stato-Chiesa, città-campagna, capitale-lavoro e riformismo-rivoluzione. Anche in questa ripartizione del saggio l’autore non lesina certamente sforzi per rendere intelligibili le sue argute e approfondite riflessioni. Proprio qui inizia un viaggio nei territori prendendone ad esempio due: “il bianco” Veneto e “la rossa” Toscana. Il prof. Almagisti ripercorre la storia nel breve periodo delle succitate regioni partendo dal crollo della DC in Veneto e delle trasformazioni intervenuto in seno alla sinistra per la Toscana.

Questo viaggio in Veneto e Toscana serve all’autore per comprendere se i concetti citati poc’anzi hanno un qualche motivo d’essere. A tal proposito tutta la parte finale del saggio è occupata da una esposizione dettagliata fin nei minimi particolari della storia elettorale del Veneto e della Toscana dagli anni ottanta in poi. Un’analisi speculare al titolo del saggio e massimamente in relazione ai due termini del medesimo: politica e territori. Dove esiste una politica in fase di disancoraggio accentuato e sempre più espressione di localismi proprio perché manca una politica frutto di una riflessione avente come punto di riferimento analitico il livello generale.

LINK UTILI:

https://www.facebook.com/marco.almagisti

http://www.carocci.it/

CREDITI ICONOGRAFICI: La foto della copertina ci è stata fornita dalla casa editrice.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -