Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Liberiamo i 5!

Tutti pronti ad assistere alle imprese degli atleti per le imminenti Olimpiadi e Paraolimpiadi invernali di Pechino, in attesa di un messaggio di giustizia e di tutela dei diritti umani.

di Piero Buscemi - venerdì 4 febbraio 2022 - 3252 letture

Cos’hanno in comune un monaco, un professore universitario, un’attivista per i diritti delle donne, un avvocato e una giornalista? Hanno parlato troppo. Questo è ciò che sostengono le autorità cinesi.

Oggi iniziano i Giochi olimpici e paralimpici invernali di Pechino e da tempo il governo sta facendo di tutto per presentarsi come un paese giusto e aperto. Ma la realtà, purtroppo, è molto diversa. Lo sanno bene Rinchen Tsultrim, monaco tibetano in carcere per aver criticato le politiche del governo; Zhang Zhan, giornalista condannata a quattro anni di reclusione per aver indagato sul Covid-19 al Wuhan; Ilham Tohti, perseguitato per aver sfidato pacificamente le politiche del governo nei confronti della minoranza uigura; Li Qiaochu, femminista e attivista per i diritti del lavoro, arrestata per aver denunciato l’uso della tortura; Gao Zhisheng, avvocato, perseguitato per le sue posizioni contro la persecuzione religiosa e in favore dei difensori dei diritti umani.

Hanno dimostrato coraggio semplicemente esprimendosi pacificamente e rifiutandosi di cedere alla repressione e solo per questo, insieme a tanti altri, vengono perseguitati o detenuti. La Cina sta usando le Olimpiadi per cercare di migliorare la sua immagine globale, sfruttando il fascino, il prestigio e l’interesse pubblico dello sport e distogliere l’attenzione dalle sue pessime condizioni in materia di diritti umani. Tutto questo ha un solo nome: sportwashing!

Con l’organizzazione dei Giochi olimpici e paralimpici invernali di Pechino 2022, il governo vuole mettere in evidenza lo status di superpotenza cinese e distogliere l’attenzione dalle sue pessime condizioni in materia di diritti umani. Con l’avvicinarsi delle Olimpiadi, attivati e chiedi alle autorità cinesi di rispettare pienamente i diritti umani e di impegnarsi seriamente per il rispetto del diritto internazionale dei diritti umani. Alla Cina non dovrebbe essere permesso di usare le Olimpiadi per “ripulire” il suo record in materia di diritti umani.

A febbraio e marzo 2022, a Pechino si svolgeranno i Giochi olimpici e paralimpici invernali. La Cina sta usando le Olimpiadi per cercare di migliorare la sua immagine globale, sfruttando il fascino, il prestigio e l’interesse pubblico dello sport per evitare il controllo del suo deplorevole record in materia di diritti umani. Tutto questo ha un solo nome: sportwashing!

Tra le numerose violazioni dei diritti umani commesse dalle autorità cinesi, le loro sistematiche violazioni del diritto alla libertà di espressione richiedono un’attenzione specifica alle Olimpiadi del 2022. È altamente problematico che il governo cinese, mentre ospita un mega evento sportivo che pretende di celebrare lo scambio internazionale e la comprensione reciproca, stia implementando un immenso sistema di censura e controllo massiccio su ciò che le persone possono dire e vedere.

Chiediamo alle autorità cinesi di ritirare tutte le accuse contro e rilasciare immediatamente tutti coloro che sono perseguiti o detenuti per aver esercitato la loro libertà di espressione, a cominciare da: Zhang Zhan, Ilham Tohti, Li Qiaochu, Gao Zhisheng e Rinchen Tsultrim.

Queste cinque persone appartengono tutti a comunità che sono state particolarmente duramente prese di mira nel continuo assalto della Cina alla libertà di espressione come giornalisti cittadini, accademici, difensori dei diritti umani, minoranze etniche e avvocati per i diritti umani. Hanno dimostrato un coraggio a livello olimpico semplicemente esprimendosi pacificamente e rifiutandosi di cedere alla repressione. Il loro rilascio immediato è importante come primo passo pubblico affinché il governo cinese mostri adeguatamente il suo sincero impegno per una migliore protezione dei diritti umani di tutte le persone in Cina, in linea con gli standard internazionali sui diritti umani e la Carta Olimpica.

FIRMA L’APPELLO

PNG - 404.9 Kb
Olimpiadi


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -