Sei all'interno di >> :.: Dossier | Archivio dossier | I portatori d’acqua |

Le iniziative: La stanza dei portatori d’acqua “IO SONO ACQUA”

di ass. Fiumara d’arte - lunedì 13 marzo 2006 - 5679 letture

5 Marzo 2006

INAUGURAZIONE (Atelier sul Mare, Castel di Tusa - ME)

La stanza dei portatori d’acqua “IO SONO ACQUA”

realizzata da Agnese Purgatorio, Antonio Presti, Danielle Mitterrand, Cristina Bertelli

Descrizione della stanza (Presti Purgatorio) Io sono acqua: il visitatore all’arrivo troverà scritto sulla porta “Io sono acqua” in tutte le lingue. Così il primo contatto che avrà con lo spazio è prendere consapevolezza dell’essere acqua, ricordandosi che il nostro corpo è composto in gran parte di liquidi. Con questa consapevolezza il visitatore si avvicinerà alla stanza come a un luogo di sacralità; entrando avrà la visione di due spazi nettamente divisi, luoghi della memoria, della sua assenza e della purezza. Il primo totalmente bianco realizzato con il sale, metafora dell’assenza dell’acqua, del deserto che nega all’umanità il suo essere acqua. L’altro totalmente rivestito in rame, è uno spazio trasformato in conduttore di energia, che il visitatore attraverserà per giungere all’origine della purezza. Alla fine del percorso, in una grande fonte in pietra, verserà acqua con petali di rose bianche. Al risveglio del giorno dopo, bagnandosi il viso ritroverà quel mare infinito, negato nello spazio di sale. Si conclude così il suo atto di devozione impegnandosi ad essere “portatore d’acqua”.

Testo della stanza (Mitterrand Bertelli)

6 Marzo 2006

Palermo Danielle Mitterrand incontra i dirigenti scolastici di Palermo Pomeriggio ore 18:00 inaugurazione mostra Palermo Testo 500 bandiere

Danielle Mitterrand, presidente della fondazione France Libertè, da anni si batte per la promozione di una nuova cultura che riconosca l’acqua come un “bene comune dell’umanità, che appartiene a tutti gli esseri viventi” e l’accesso all’acqua come un “diritto umano e sociale, individuale e collettivo”. Questi sono infatti i principi di riferimento del Manifesto per un Contratto mondiale sull’acqua, che hanno trovato concretizzazione nella Dichiarazione di Roma del 10 dicembre 2003: obbiettivo prioritario di questa dichiarazione è la costituzionalizzazione del diritto all’acqua, cioè l’inclusione di tale diritto nella Dichiarazione universale dei Diritti dell’uomo delle Nazioni Unite e in tutte le carte costituzionali, per trasformare l’acqua da potenziale strumento di guerra in strumento di pace. Già nel maggio del 2004 D. Mitterrand ha partecipato ad una tappa importante del Grand Tour di Sicilia (da Agrigento a Ferdinandea) promosso da Fiumara d’Arte, soffermandosi tra i bambini di Librino, in occasione della manifestazione del Kilomentro di tela dal tema “Acqua c’è”. Gli eventi e le emozioni di quei giorni hanno affermato con passione che da qui, dalla Sicilia, da una terra che conosce e vive la mancanza dell’acqua, può partire la speranze per una nuova politica di gestione di questa risorsa. Sempre dalla Sicilia, nella prossima primavera, partiranno le nuove iniziative della Fondazione: da Palermo e da Catania, infatti, verrà promossa la nuova campagna per il diritto all’acqua “libera, potabile e gratuita”, denominata dei “Portatori d’acqua”.

Saranno sempre le scuole i luoghi etici ove riflettere, discutere e proporre, in quanti luoghi istituzionali per definizione atti al supremo compito dell’educazione delle nuove generazioni. Pertanto si inviteranno dirigenti e referenti a sostenere il pensiero dell’acqua come progetto didattico per il 2006/07; tale progetto si chiamerà “Io sono acqua” e culminerà nella installazione delle 1000 bandiere che porteranno nel loro segno e colore lo spirito che anima l’acqua. Le bandiere di Palermo, realizzate da tutte le scuole, saranno legate alla campagna del fiume Oreto, mentre quelle di Catania richiameranno il nome di Librino: insieme le due città dialogheranno nella stessa lingua, da un capo all’altro della regione. Inoltre, ad ogni studente verrà consegnata alla fine dell’anno la “tessera gratuita” di Portatore d’acqua per il fatto stesso di avere affrontato e studiato la tematica proposta. Ognuno di loro sarà chiamato a conoscere e rispettare i punti fondamentali della Dichiarazione di Roma, a divulgarli acquisendoli come propri. Dalla scuola il pensiero dell’acqua entrerà nelle famiglie, dalle famiglie si estenderà alla città, secondo quei principi di educazione alla cittadinanza che da anni costituiscono motivazione profonda di ogni impegno profuso dall’Associazione Fiumara d’Arte .Le città saranno quindi pronte ad accogliere le proprie bandiere che, in un tripudio di blu, avranno l’ulteriore merito di lasciare traccia nell’immaginario collettivo, come testimonianza tangibile del lavoro svolto dai ragazzi, ma soprattutto del cuore che ci avranno messo.

Progetto

6 Marzo 2006 - incontro con tutti i dirigenti e referenti delle scuole di Palermo alla presenza della signora Mitterrando per presentare il progetto “I portatori d’acqua” da svolgere nelle scuole nell’anno 2006/07.

Anno scolastico 2006/07

Ottobre 2006

Le scuole che hanno aderito al progetto si impegnano proporranno il progetto didattico “I portatori d’acqua” che sarà oggetto di studio e conoscenza dei ragazzi: studi teorici e attività pratiche sempre ispirati dal valore dell’acqua.

Febbraio 2007

Realizzazione delle 1000 bandiere ispirate all’acqua Ogni scuola realizzerà 10 bandiere (200x100cm) in tela ispirate all’acqua. I ragazzi delle scuole avranno il compito di studiare e creare delle bandiere straordinarie con interventi di pittura e scrittura. 10 bandiere per 100 scuole = 1000 bandiere.

Maggio 2007

Consegna delle bandiere realizzate e istallazione su tutti i pali della luce dall’aeroporto Punta Raisi, attraversando la città di Palermo, fino a Villabate. Le bandiere rimarranno istallate da Maggio a Settembre. Chiunque passerà da Palermo, vedendo questa grande istallazione, si chiederà il perché di tutto questo e troverà risposta nell’apprendere che tutte le scuole della città hanno per un anno contribuito alla rinnovata coscienza dell’acqua. Acqua che a Palermo deve rinascere dal fiume Oreto.

Giugno 2007 A tutti i ragazzi partecipanti al progetto sarà consegnata come testimonianza la tessera di Portatore d’acqua.

7 Marzo 2006 (Altofonte PA)

IO SONO IL FIUME ORETO DELL’UMANITA’ Danielle Mitterrand Devozione alla Bellezza per il fiume Oreto - Altofonte (PA)

Nell’ambito del progetto « Io sono il fiume Oreto dell’umanità », si svolgerà una grande manifestazione sull’acqua alla presenza di un ospite illustre la Signora Danielle Mitterrand. Ancora una volta l’impegno dell’Associazione Fiumara d’Arte di voler dare un nuovo volto e una nuova identità al fiume Oreto, si sposa con la politica di valorizzazione e promozione della sua valle, comune di Altofonte.

La Sig.ra Mitterrand ha deciso di dare avvio alla campagna internazionale de “I portatori d’acqua” per affermare il valore della purezza andando all’origine del fiume Oreto: la sorgente di Altofonte. Protagonisti saranno i ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori di Palermo, Monreale ed Altofonte, nonché delle università che, la mattina del 7 marzo, si recheranno alla sorgente, per attingere l’acqua pura del fiume Oreto, al centro del paese e da tutte le fontane che ne sono canali di distribuzione: i ragazzi raccoglieranno simbolicamente questa acqua pura, non ancora contaminata, utilizzando dei recipienti-scultura. In seguito avranno la possibilità di visitare i monumenti e il centro storico di Altofonte, dove i ragazzi del paese saranno le guide degli altri studenti. Dopo alcune ore, i ragazzi ritorneranno ai pullman per raggiungere, in pochi minuti, la foce del fiume Oreto a Palermo, dove tutti insieme assisteranno ad un rito di iniziazione alla bellezza. Gli studenti apriranno tutti i recipienti-scultura che contengono acqua pura, che versata dall’alto sulla foce, si mescolerà con quel liquido che acqua non è. In quel momento altri ragazzi getteranno petali di rose bianche sul fiume come atto di devozione alla bellezza. La Signora Mitterrand sigillerà questo grande evento della campagna dei Portatori d’acqua che vuole affermare a Palermo la rinascita del fiume Oreto.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -