Sei all'interno di >> :.: Culture | ParoleRubate | L’immagine sul libro |

Le immagini Sellerio

di Pina La Villa - giovedì 27 ottobre 2005 - 4879 letture

Rispetto alla Feltrinelli, di cui abbiamo parlato a proposito di Margherita, di Stefano Benni - i libri Sellerio scelgono una diversa impostazione nella scelta delle immagini di copertina. In genere, e apparentemente, non hanno nulla a che vedere col contenuto del libro, non lo spiegono, non "preparano" alla lettura. Più che parlare del libro parlano della casa editrice, ne definiscono lo stile, l’impegno, il carattere, il suo posizionarsi in Sicilia ma ritagliandosi lo spazio dello stile, della raffinatezza, dell’impegno culturale che è impegno civile. E soprattutto sono un omaggio al fondatore della casa editrice, Enzo Sellerio, famoso fotografo.

Qualche immagine a caso: il libro è di Constantin Photiadès, "Le vite del conte di Cagliostro", 2005. L’immagine di copertina è un quadro esposto al Musée Marmottan di Parigi. E’ un olio su tela di Laurent Dabos, del 1801. Rappresenta una composizione di immagini - quadro (Bonaparte?), cornice, e poi ancora quadro e cornice fotografata, fotografia, busta manoscritta, prima pagina di un giornale, altre carte.

Alicia Giménez-Bartlett, Un bastimento carico di riso, 2004. E’ uno dei gialli della serie che ha per detective Petra Delicado. L’immagine è un bozzetto di Tat’jana Georgievna Bruni. Teatro accademico statale d’Opera e Balletto, San Pietroburgo, 1931. Una figura umana composta secondo le modalità del patchwork.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -