Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Comunicazione |

Le acrobazie di Matteo Renzi

Provare a spiegare il consenso di un personaggio politico, soffermandosi sullo studio etimologico del suo nome e cognome.
di Orazio Leotta - mercoledì 4 febbraio 2015 - 2756 letture

Matteo, dall’ebraico “dono di Jahvé” è colui appunto che è stato donato (all’umanità) dall’Altissimo, pertanto, ne desumiamo, rechi seco poteri non da poco.

Renzi, invece, trasuda un genitivo singolare (di Renzo), uno dei tipici cognomi terminanti in “i” comuni nella Toscana etrusca anch’essi sinonimo di provenienza e, tra l’altro, con illustri precedenti.

Se poi ci divertiamo a giocare con gli accostamenti, trecarti ecco che il mondo circense e della prestidigitazione la fa da padrone: ad es. “Renzo” Rubini, nel 2013, portò a Sanremo “Il Postino – amami uomo”, canzone da egli stesso definita: “macabro circense”, intrisa di bizzarria, eleganza, allusioni gay e un tocco di cartoon, roba da veri equilibristi.

Per non parlare del coniglio “Magico Matteo” che spopola su facebook, il prestigiatore illusionista più famoso dei social network. La più importante scuola di circo al mondo, la parigina “Annie Fratellini” è stata frequentata con successo da tale “Matteo” Trenti che ora insegna a Mantova giocoleria e discipline acrobatiche.

l43-merkel-renzi-130714133614_mediumPer farla in breve “nomen omen” avrebbero detto i latini e il nostro non vuole essere da meno: ha fatto il governo servendosi di Alfano, le riforme servendosi di Berlusconi e ora il Presidente della Repubblica coinvolgendo anche Vendola. Speriamo non si serva troppo della Merkel per fare agli italiani chissà quale altro servizio...


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -