Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

La vita trema

Che fine ha fatto quell’energia ribelle? Commento di Lidia Ravera al film "Ragazze, la vita trema".

di Pina La Villa - giovedì 10 dicembre 2009 - 2704 letture

Sebben che siamo donne

Ho visto un film molto bello. Si intitola «Ragazze, la vita trema» e racconta, con materiale d’epoca ma, soprattutto, con la voce e la passione mai spenta di alcune donne «state-giovani» negli anni ’60 e ’70, la nascita di una coscienza collettiva, quella della condizione di femmine. Fra una massa in piazza a correre e un piccolo gruppo in un interno, a parlare, fra l’estinguersi del petting alle festicciole del sabato e l’affermarsi del diritto al piacere sessuale, si muove un’avanguardia di giovani avventuriere della vita privata. Donne decise a cambiare le regole del gioco (erotico, politico, sentimentale) lottano senza sosta: rigorose e tuttavia allegrissime, aggressive eppure seducenti. Le immagini del passato ripropongono la loro bellezza non premeditata e non esposta. Le sequenze girate nel presente non deludono: con i loro anni in faccia, tutte mantengono uno sguardo indomito, intelligente, curioso. Domanda spontanea: che fine ha fatto tutta quell’energia ribelle, la forza di quella scommessa con l’ingiustizia di genere? Se prima c’erano ipocrisia, sessismo e discriminazione, oggi la discriminazione resta, il sessismo dilaga e l’ipocrisia, sostituita dall’esibizionismo mercantile, capita perfino di rimpiangerla. Le femministe d’antan si ingegnano per conservare un po’ di dignità a se stesse e alle altre. Nel disinteresse generale. Le loro figlie, reali o ideali, si arrabattano, ciascuna nel suo minuscolo campo di battaglia quotidiano. Provano a non cedere al ricatto sessuale, mai come oggi consentito e sbandierato. A fare figli coraggiosamente e nonostante tutto, a non farli e sopportare il disprezzo vaticano. A cavalcare la precarietà economica e, quel che è peggio, affettiva. A subire e/o sostenere compagni in crisi di identità, padri deboli, madri spaventate dalla solitudine. C’è da stupirsi se stanno zitte?

http://www.unita.it/news/lidia_ravera/92470/sebben_che_siamo_donne

Commento di Lidia Ravera sull’Unità al film "Ragazze, la vita trema", presentato a Venezia 2009

http://www.venice-days.com/filmsearch.asp?idfilm=23


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -