La poesia della settimana: Giuseppe Bonaviri

La sicilianità che trasuda dai versi, un contatto personale con la natura, ancora di salvezza di un continuo smarrimento, che è la vita.
di Piero Buscemi - martedì 6 agosto 2013 - 1401 letture

Valfrancesca

Camminavamo lungo le acque verdi del Liri,
 fra gli arbusti bassi e i ciottoli levigati
 su cui saltavano le rane.
 Tu mi indicavi una donna che lavava
 curva in una insenatura scintillante
 e non sentivi che il tuo giovane cuore di donna
 alitava sui pioppi dalle molte foglie e sull’erba dei prati.
 Ci tenevamo per mano e in una radura
 in cui cresceva solo qualche macchia di rovo
 vedemmo una grande ruota
 che con le sue palette apriva l’acqua
 in un ventaglio di piccole onde
 con un giro perenne di morte e di vita.
 Tu mi dicesti: “Bello”
 e restasti chiusa nella tua contemplazione d’amore
 e non vedesti che sulla superficie uguale del fiume
 si levavano gli uccelli della sera
 che cantavano un loro cupo triste canto.

Giuseppe Bonaviri, scrittore e poeta italiano (Mineo 1924 - Frosinone 2009). Medico, ha trasferito nella sua narrativa una percezione vivissima della dimensione corporale e della natura. Da un avvio solo apparentemente ascrivibile a suggestioni neorealistiche (Il sarto della stradalunga, 1954; La contrada degli ulivi, 1958), B. è passato alla progressiva definizione di un mondo tutto fantastico che si nutre degli echi della sua cultura siciliana e del suo umanissimo smarrimento: Il fiume di pietra (1964); La divina foresta (1969); Notti sull’altura (1971); L’isola amorosa (1973); L’enorme tempo (1976); Dolcissimo (1978); Novelle saracene (1980); È un rosseggiar di peschi e d’albicocchi (1986); Il dormiveglia (1988); Ghigò (1990); Il vicolo blu (2003); L’incredibile storia di un cranio (2006). Una precisa coscienza della continuità di prosa e poesia rivela L’incominciamento (1983). Della sua produzione in versi occorre citare Il dire celeste (1979); O corpo sospiroso (1982); Quark (1982); L’asprura (1986); Poemillas españoles ed altri luoghi (2000); I cavalli lunari (2004). Scrittore di accesa inventività linguistica, più volte candidato al premio Nobel, nel 2006 ha pubblicato Autobiografia in do minore. Racconto di scoordinata sopravvivenza, storia sommessa di una vita che si snoda sul duplice piano temporale dei ricordi e del presente; lungo lo stesso percorso intimista si colloca il racconto che ha fatto di sé stesso nel documentario di M. Perrotta Bonaviri ritratto (2007).


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -