La poesia della settimana: Antonio De Curtis

Come non ricordare questa settimana il più completo attore italiano di tutti i tempi. Approfittando della coincidenza con il suo giorno di nascita, gli rendiamo omaggio, come la sua arte pretende.
di Piero Buscemi - martedì 14 febbraio 2012 - 1167 letture

Chi ò ll’ommo?

Nun songo nu grand’ommo
 nun songo nu scienziato.
 ’A scola nun sò gghiuto
 nisciuno m’ha mannato.
 S’ i’ songo intelliggente?
 e m’ ’o spiate a mme?
 I’ songo nato a Napule,
 che ne pozzo sapé?
 Appartengo alla massa...
 a chella folla ’e ggente
 ca nun capisce proprio ’o riesto ’e niente.
 Però ve pozzo dicere na cosa:
 campanno notte e juorno a stu paese
 pur i’ me sò ’mparato quacche cosa,
 quaccosa ca se chiamma umanità.
 Senza sapé né leggere e né scrivere,
 da onesto cittadino anarfabbeta,
 ve pozzo parlà ’ncopp’ a n’argomento
 ca certamente ve pò interessà: chi è ll’ommo.
 Ll’ommo è: nu pupazzo ’e carne
 cu sango e cu cervello
 ca primma ’e venì al mondo
 (cioè ’ncopp’ a sta terra)
 madre natura, ca è sempre priviggente,
 l’ha miso ’nfunno ’a ll’anema,
 cusuto dint’o core, na vurzella
 cu dinto tante e tante pupazzielle
 che saccio: ’o mariuncello,
 na strega ’e Beneviento,
 nu scienziatiello atomico
 cu a faccia indisponente,
 nu bello Capo ’e Stato
 vestuto ’a Pulcinella;
 curtielle, accette, strummolo
 e quacche sciabbulella.
 Penzanno ca ’o pupazzo
 nu jurno se fa ommo,
 si se vò divertì ,
 chesto ’o ppò fà. E comme?
 Sceglienno ’a dint’ ’o mazzo
 ca tene dint’ ’a vurzella,
 chello ca cchiù lle piace
 fra tutte ’e pazzielle.
 Si po’ sentite ’e dicere:
 "’0 tale hanno arrestato!
 Era uno senza scrupolo:
 pazziava al peculato.
 E trene nun camminano?
 ’A posta s’he fermata?"
 Chi tene ’mmano ’o strummolo,
 pazzianno s’he spassato.
 ’0 scienziatiello atomico
 ch’ ’a bomba ’a tena stretta
 "Madonna! - tremma ’o popolo-
 E si mo chisto ’a jetta?"
 Guardate che disgrazia
 si ’a sciabbulella afferra
 nu capo ca è lunatico:
 te fa scuppià ’na guerra.
 Senza penzà ca ’o popolo:
 mamme, mugliere e figlie,
 chiagneno a tante ’e lacreme.
 Distrutte sò ’e famiglie!
 A sti pupazze ’e carne affocaggente
 l’avessame educà cu ’o manganiello,
 oppure, la natura priviggente,
 avess’ ’a fa turnà ’nu Masaniello.
 Ma ’e ccose no... nun cagnano
 e v’ ’o dich’i’ ’o pecché:
 nuie simme tanta pecure...
 facimmo sempe "mbee".

Totò nasce il 15 febbraio 1898 nel rione Sanità come Antonio Clemente, sua madre nel 1921 sposa Giuseppe de Curtis dalla cui relazione era nato Antonio. Nel 1928 il de Curtis riconosce Antonio come suo figlio, nel 1933 il marchese Antonio de Curtis viene adottato dal marchese Francesco Gagliardi Foccas e nel 1946 il tribunale di Napoli gli riconosce il diritto a fregiarsi dei nomi e dei titoli di:

Antonio Griffo Focas Flavio Dicas Commeno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, Altezza Imperiale, Conte Palatino, Cavaliere del Sacro Romano Impero, Esarca di Ravenna, Duca di Macedonia e di Illiria, Principe di Costantinopoli, di Cicilia, di Tessaglia, di Ponte di Moldavia, di Dardania, del Peloponneso, Conte di Cipro e di Epiro, Conte e Duca di Drivasto e Durazzo.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -