Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

La mia gatta

Scapagnini, Lombardo e il Tondicello della Playa
di Pina La Villa - mercoledì 18 maggio 2005 - 3217 letture

Catania, 16 maggio 2005

Le notizie arrivano a sprazzi nella città oppressa dalla campagna elettorale più sporca che si ricordi ai piedi del vulcano.

Dapprima sono solo tre sezioni del Turrisi Colonna, una scuola che raccoglie le sezioni della periferia ovest della città: Scapagnini appare in vantaggio con l’80% dei voti.

Poi si parla di testa a testa fra lui e Bianco, lo sfidante.

A 22 sezioni scrutinate - Scapagnini sempre in testa, ma col 54% - la legge dei numeri e delle probabilità comincia a smorzare gli entusiasmi dei sostenitori del centrosinistra di Bianco.

Entusiasmi per la verità molto contenuti per tutta la campagna elettorale, anche se via via alimentati dal fatto che i sondaggi erano favorevoli e dalla notizia - quasi il mistero di Pulcinella - che le quattro liste civiche di Lombardo, presidente della provincia in forza all’UDC e quindi alla Casa delle libertà, ma in rotta col partito, avrebbero sostenuto sottobanco il candidato del centrosinistra.

Verso sera la città è deserta, attorno a Piazza Duomo stazionano i furgonicini per le riprese televisive e si preparano le postazioni per le interviste, ma c’è poca gente, qualche catanese si gode la dolce serata di maggio e commenta che Catania è sempre stata la città più nera d’Italia.

Le ultime notizie prima di andare a letto sono sul sito del comune, che mette on line i risultati man mano che arrivano i dati ufficiali delle sezioni: a 35 sezioni scrutinate Scapagnini è in vantaggio, oltre il 52%. Sfuma anche la possibilità del ballottaggio, malgrado i candidati a sindaco siano sette.

Catania, 17 maggio 2005

La prima notizia è alla radio,dicono che ha vinto Scapagnini e che Berlusconi ne ha già approfittato per dire che quando scende in campo lui non c’è storia.

(nel sito del comune i numeri:Le schede nulle sono il 10% almeno. Mentre gli altri numeri sono i seguenti: Scapagnini 52.03%, Bianco 45,46%).

Poi è sulla prima pagina del quotidiano locale, “La Sicilia”: Nasce lo Scapagnini bis. Il giornale avalla ancora le previsioni della vigilia, dicendo poi nel sommario: “Inaspettata vittoria su Bianco” e, omaggiando subito il potente che solo fuori dalla Sicilia ha qualche preoccupazione, cita la battuta di Berlusconi: battuti i catastrofisti. I toni dell’inserto catanese sono ancora più trionfalistici: “Scapagnini, sprint subito vincente”.

La giornata è umida, tutto è avvolto in una nebbiolina di vapore, il sole stenta a farsi vedere.

Sembra di averli appiccicati addosso tutti manifesti elettorali e i “santini” che svolazzano per le strade. Tonnellate di rifiuti, migliaia di facce poco rassicuranti con slogan improbabili: vota col cuore, era nel manifesto di una cardiologa.

I commenti del centro città sembrano tutti di sostenitori di Bianco, a parte l’avventore di un tabaccaio di Piazza Trento che difende un po’ compiaciuto un po’ imbarazzato dall’ostilità che ha attorno, l’operato di Scapagnini - ad eccezione ovviamente delle strisce blu.

Ma chi ha votato Scapagnini?

Non so da dove arriva la notizia, ma pare che al Tondicello della playa - quartiere di San Cristofaro, il quartiere per antonomasia più degradato e povero della città - in quattro sezioni il voto a Scapagnini sia stato praticamente unanime.

Alla fine le quattro liste di Lombardo hanno fatto il loro dovere: compatti per Scapagnini, il medico di Berlusconi, il quale pare abbia promesso a Lombardo la leadership del partito unico di destra al sud, l’equivalente siciliano della Lega nord. Lombardo - di cui nessuno parla se non per accenni, anche e soprattutto sulla “Sicilia” - si conferma il vero sindaco di Catania.

18 maggio 2005

Dalla Catena di san libero, la e-zine di Riccardo Orioles, che potete leggere per intero nella sua rubrica su girodivite.

"L.B. (una blogger italiana) wrote:

< La mia gatta che guarda il mondo. E il mondo non somiglia a lei. La mia gatta quando e’ allegra mi aspetta dietro la porta. La mia gatta quando e’ allegra mi racconta tutta la sua giornata. La mia gatta quando e’ incazzata non mi caca neanche. La mia gatta quando e’ incazzata non vuole rotte le palle. La mia gatta passa gran parte della sua vita a filosofeggiare sul divano. La mia gatta considera il monitor del computer un utilissimo calorifero. La mia gatta non e’ vegetariana. La mia gatta non e’ pacifista. La mia gatta non e’ guerrafondaia. La mia gatta non chiede mai scusa. La mia gatta non ha mai chiesto scusa. La mia gatta perdona i suoi nemici ma non dimentica i loro nomi. La mia gatta non e’ mia.

La mia gatta e’ l’unica persona che capisco >"


Rispondere all'articolo - Ci sono 1 contributi al forum. - Policy sui Forum -
> La mia gatta
21 maggio 2005, di : Ufic |||||| Sito Web: Alley cat

Sappiate che ho già contattato i miei avvocati.

Chi è "L. B."? E come si permette di appropriarsi delle mie creazioni?

Ahahah... va là che scherzo: usate pure quella mia ... "cosa" ("poesia" è una parola troppo grossa) anche se mi chiedo come sia potuta finire qui (chiederò a Riccardo).

Mi ha stupito, ma piacevolmente ;)