Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

La libertà di Julian Assange è la libertà di tutti

Un intervento di Fidel Narváez, ex console dell’Ecuador a Londra, sul caso di Julian Assange, che Girodivite segue ormai da oltre 6 anni.

di Redazione - domenica 9 ottobre 2022 - 2510 letture

La redazione di Pressenza ha chiesto questo articolo a Fidel Narváez, ex console dell’Ecuador a Londra per il libro su Julian Assange pubblicato dalla rivista Left in collaborazione con Pressenza. Fidel Narváez parteciperà alla 24 ore per la libertà di Julian Assange il 15 Ottobre 2022.

Nell’estate del 2012 ho aperto la porta dell’ambasciata ecuadoriana a Londra per proteggere Julian Assange dalla persecuzione del più grande impero economico e militare della storia. Gli Stati Uniti e, più specificamente, il cosiddetto “complesso militare industriale” che è il vero potere, vogliono la testa di Julian come trofeo di guerra. Lo vogliono perché è la persona che più li ha messi in imbarazzo con le rivelazioni dei loro crimini di guerra, della tortura sistematica come pratica di Stato e dei panni sporchi della loro diplomazia nel mondo. Non è possibile avere un nemico più potente, né più vendicativo. Per questo motivo, da quando Julian Assange, attraverso WikiLeaks, ha osato pubblicare ciò che la stampa corporativa ha paura di pubblicare, il suo destino era segnato. I criminali di guerra che Julian ha smascherato lo perseguiteranno fino alla fine dei suoi giorni.

Quando Julian ha bussato alla porta dell’Ecuador, tutte le altre porte gli erano già state chiuse. Il suo stesso Paese, l’Australia, lo aveva abbandonato. E il Regno Unito, l’alleato più remissivo degli americani, ha agito chiaramente per compiacere la grande potenza. Qual è il dovere degli uomini di buona volontà quando un giornalista viene minacciato di ergastolo e di morte, torturato psicologicamente, diffamato e perseguitato per aver pubblicato la verità? Qual è il dovere delle nazioni che affermano di difendere i diritti umani e la giustizia, quando un innocente ha un disperato bisogno di protezione? Perché nessun altro paese ha osato proteggere Julian Assange?

Julian non ha scelto a caso la porta dell’ambasciata ecuadoriana. Nel 2012, il mio Paese aveva il governo più progressista della sua storia. La nostra politica internazionale aveva mostrato solidi segni di sovranità. Il governo del presidente Rafael Correa aveva già rimosso la più grande base militare statunitense in Sudamerica; aveva espulso diversi diplomatici americani per il loro diretto coinvolgimento con i nostri servizi di polizia e di intelligence; ci eravamo opposti con fermezza alle imprese transnazionali. L’Ecuador aveva espulso l’ambasciatore americano dal Paese, in seguito alle rivelazioni di WikiLeaks che hanno rivelato la sua mancanza di rispetto per il nostro Paese.

All’epoca, il mio Paese aveva una solida stabilità politica e il suo presidente godeva di grande popolarità e legittimità democratica. L’Ecuador è stato l’unico Paese a chiedere a WikiLeaks di pubblicare tutti i cablogrammi diplomatici che lo riguardano, senza eccezioni, in una dimostrazione di trasparenza che ha sicuramente contribuito a far sì che Julian vedesse l’Ecuador come un alleato fidato.

Quando i sistemi giudiziari non funzionano per proteggere i diritti, l’ultima risorsa è quella di chiedere asilo politico, un diritto sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. L’Ecuador, fin dall’inizio, ha cercato di ottenere garanzie da Svezia e Regno Unito che Julian non sarebbe stato estradato negli Stati Uniti. Nessuno degli sforzi compiuti dall’Ecuador e dagli avvocati di Julian nei sette anni successivi ha avuto alcun effetto positivo, poiché nessuno di questi Paesi aveva il minimo interesse ad agire con giustizia.

L’ex relatore delle Nazioni Unite contro la tortura, Nils Melzer, dopo aver analizzato rigorosamente il caso di Julian Assange, ha dichiarato: “In 20 anni di lavoro con le vittime della guerra, della violenza e della persecuzione politica, non ho mai visto un gruppo di Stati democratici organizzarsi per isolare, demonizzare e abusare deliberatamente di una singola persona per così tanto tempo e con così poco riguardo per la dignità umana e lo stato di diritto”.

Mi permetto di parlare in prima persona del ruolo del mio Paese, che alla fine è diventato anche il Paese di Julian, che ha vissuto nella nostra ambasciata per quasi sette anni. L’ambasciata è un piccolo appartamento che non era stato progettato per essere abitato. Si tratta di non più di 200 metri quadrati in totale, di cui a Julian sono stati assegnati solo un paio di spazi ad uso esclusivo: una stanza che fungeva da camera da letto, un bagno che è stato dotato di doccia e un ambiente di lavoro che condivideva con altri diplomatici. Inoltre, Julian condivideva con tutto il personale dell’ambasciata un piccolo spazio adattato a cucina e un bagno di uso comune. Non c’è un cortile interno, né un luogo dove prendere aria fresca. La già scarsa luce solare di Londra era praticamente inesistente. Sempre sottoposto alla luce artificiale, Julian paragonava la sua permanenza in quell’appartamento alla vita all’interno di un’astronave. È difficile immaginare una reclusione così lunga in tali condizioni.

Per i primi tre anni, l’ambasciata è stata circondata dalla polizia all’esterno e nell’atrio dell’edificio. Per i quattro anni successivi, la sorveglianza è stata segreta, ma non meno invasiva. Gli inglesi avevano sempre telecamere e microfoni ad alta potenza dislocati negli edifici circostanti, cercando di cogliere il nostro minimo sussurro. I nostri telefoni erano sempre sotto controllo. La nostra ambasciata era, senza dubbio, il luogo più sorvegliato del mondo. In un primo momento siamo stati sorvegliati dagli inglesi e da altre agenzie di intelligence, ma nell’ultimo anno di asilo, quando è cambiato il governo dell’Ecuador, anche dai servizi segreti ecuadoriani che, oltre a proteggerci, hanno finito per diventare un meccanismo di spionaggio contro Julian.

Con il passare del tempo, per Julian cominciarono a manifestarsi problemi di salute. La mancanza di sole e delle vitamine che esso fornisce ha influito sul colore già pallido della sua pelle. Una delle sue spalle aveva bisogno di essere esaminata con apparecchiature mediche impossibili da ottenere in ambasciata. Né è stato possibile risolvere tutti i suoi problemi dentali. A causa della reclusione, Julian mostrò presto problemi di vista, non riuscendo più a distinguere facilmente i colori. Gli inglesi non ci hanno mai permesso di portarlo in un centro sanitario per un controllo adeguato. Uno dei medici che lo hanno visitato, Sondra Crosby, ha inviato una diagnosi al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, affermando che, in termini di assistenza sanitaria, la situazione di Julian nell’ambasciata era peggiore di quella di una prigione convenzionale e che il suo confinamento indefinito e incerto aumentava il rischio di stress cronico, nonché di rischi fisici e psicologici, compreso il suicidio. Il medico ha detto che alla fine del suo asilo Julian aveva “un trauma psicologico acuto, paragonabile a quello dei rifugiati che fuggono da zone di guerra… È ad altissimo rischio di suicidio se venisse estradato… È nello stesso stato psicologico di chi è stato inseguito da un uomo con un coltello e poi si chiude in una stanza e non ne esce”.

In queste condizioni, il livello di resistenza di Julian, sia fisica che psicologica, è incredibile, così come la sua forza di volontà di non arrendersi e consegnarsi alle grinfie della polizia britannica. Per i primi sei anni, quando l’Ecuador lo proteggeva davvero, il suo rapporto con il personale diplomatico e gli altri funzionari è sempre stato di reciproco rispetto. Insieme abbiamo condiviso innumerevoli feste, compleanni, addii, pasti o semplicemente un caffè per discutere di politica e delle ingiustizie di questo mondo. Julian è sempre stato grato all’Ecuador.

In tutti gli anni in cui l’Ecuador lo ha protetto, con le limitazioni della reclusione, Julian ha potuto esercitare il suo diritto al lavoro e ad esprimersi liberamente. Non ricordo una sola occasione in cui ho visto Julian annoiarsi o non sapere cosa fare. Era sempre occupato, sempre al lavoro. Durante il suo soggiorno, ha curato diversi libri e WikiLeaks ha continuato a pubblicare con la stessa veemenza di sempre. Ha ricevuto quasi mille visitatori da tutto il mondo, di tutti i profili possibili: intellettuali, artisti, dissidenti, giornalisti, politici, attivisti… Ha rilasciato centinaia di interviste e decine di conferenze via internet.

Nel 2015, il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria si è pronunciato contro il Regno Unito e la Svezia, definendo la situazione di Julian come detenzione arbitraria, chiedendo a questi due Paesi di consentire il suo rilascio e persino di risarcirlo per i danni causati.

Nel dicembre 2017, l’Ecuador gli ha concesso la cittadinanza ecuadoriana, a cui aveva diritto dopo aver vissuto nella nostra giurisdizione per più di 5 anni come persona sotto protezione internazionale. Nel maggio 2018, la Corte Interamericana dei Diritti Umani (l’equivalente della Corte Europea dei Diritti Umani) ha istruito l’Ecuador sui suoi obblighi di asilo diplomatico, stabilendo che il mio Paese non può consentire l’estradizione di un rifugiato politico.

Ma l’Ecuador sovrano e progressista sotto la presidenza di Rafael Correa è cambiato radicalmente quando è stato tradito dal nuovo presidente, Lenin Moreno. Gradualmente, Moreno iniziò a distruggere tutto ciò che era stato costruito dal suo predecessore e cambiò la politica internazionale di 180 gradi, arrendendosi completamente agli Stati Uniti. Julian divenne così un “sassolino nella scarpa” e la sua testa oggetto di una squallida contrattazione.

La strategia di Moreno era tanto rozza quanto crudele. Per otto mesi, a partire da marzo 2018, Julian è stato in completo isolamento. Niente internet, niente telefono e niente visite, a parte i suoi avvocati. Lenin Moreno trasformò l’ambasciata in una prigione. Noi diplomatici siamo stati gradualmente cambiati, a partire da quelli di noi che erano incompatibili con la nuova politica del governo, e siamo stati sostituiti da nuovi funzionari che avevano l’incarico di molestare e provocare Julian, al fine di generare incidenti che sarebbero serviti al governo come pretesto per espellerlo dall’ambasciata.

L’ultimo anno di Julian all’ambasciata, sotto il governo di Lenin Moreno, fu un inferno. L’unica nazione che lo aveva protetto fino a quel momento divenne il suo persecutore. Poiché la strategia di spezzare Julian per costringerlo a partire di sua spontanea volontà è evidentemente fallita, il governo ha avviato segretamente trattative con gli americani e gli inglesi per la consegna del richiedente asilo. In uno dei capitoli più vergognosi della storia del mio Paese, l’11 aprile 2019 Lenin Moreno ha permesso a una forza straniera di entrare nella mia ambasciata per sequestrare, con la forza, il più importante rifugiato politico del mondo e consegnarlo ai suoi persecutori.

Se estradato, Julian verrebbe processato in base alla legge sullo spionaggio e diventerebbe il primo giornalista della storia a essere processato in base a tale legge. L’ufficio del procuratore generale degli Stati Uniti ha anche avvertito che, in quanto cittadino straniero, Julian Assange non può invocare il Primo Emendamento degli Stati Uniti. In altre parole, negli Stati Uniti a uno straniero si applicano le sanzioni, ma non le tutele della legge. Il processo si svolgerà presso la “Corte di Spionaggio”, in cui rientrano i casi di “sicurezza nazionale”. Si tratta dello stesso tribunale che nel 2010 ha aperto l’indagine “segreta” contro Julian, per la quale ha chiesto asilo politico in Ecuador. Il tribunale si trova nel distretto orientale della Virginia, dove hanno sede la CIA e i principali appaltatori della sicurezza nazionale. La giuria proviene quindi dal luogo con la più alta concentrazione di “comunità di intelligence” statunitense, dove Julian non avrà alcuna possibilità di avere un processo equo. In effetti, nessun imputato di spionaggio è mai stato assolto in quel tribunale.

Se accusato di spionaggio, Julian Assange verrebbe imprigionato in isolamento, sotto le cosiddette “misure amministrative speciali”, il che significa praticamente nessun contatto umano. Queste condizioni sono una condanna a morte vivente. Gli Stati Uniti chiedono una pena di 175 anni di carcere, non per un criminale, ma per chi ha smascherato i criminali.

Il famoso professore Noam Chomsky, nella sua testimonianza scritta, ha dichiarato alla corte di Londra: “Julian Assange… ha reso un enorme servizio a tutte le persone del mondo che hanno a cuore i valori della libertà e della democrazia e che quindi chiedono il diritto di sapere cosa fanno i loro rappresentanti eletti. Le sue azioni, a loro volta, lo hanno portato a essere perseguitato in modo crudele e intollerabile”.

Un mondo in cui i criminali restano impuniti e i coraggiosi che svelano i crimini vengono puniti è un mondo che va combattuto. E Julian ha sacrificato la sua libertà perché vuole che tutti noi possiamo vivere in un mondo diverso. Pertanto, la libertà di Julian è la libertà di tutti.

Ora che nessuna nazione protegge più Julian Assange, egli dipende soprattutto dalla nostra solidarietà.


Articolo di Fidel Narváez, ex Console dell’ Ecuador a Londra. Tradotto dallo spagnolo da Thomas Schmid per équipe traduttori Pressenza. L’articolo è diffuso dal circuito internazionale di Pressenza.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -