La chiesa rupestre di san Giuseppe il Giusto a Lentini

Siamo stati a visitare la chiesa rupestre di san Giuseppe il Giusto a Lentini, il 22 febbraio 2014, in compagnia dell’ArcheoClub
di Redazione Cartamenù - sabato 22 febbraio 2014 - 3576 letture

Salita a san Giuseppe Giusto

Scoprire posti dimenticati del luogo in cui si abita, scoprirne la bellezza e la storia, è uno di quei privilegi che si possono avere solo se la guida è un archeologo come Italo Giardano, e la compagnia è quella del fervido gruppo che si è associato sotto la bandiera dell’ArcheoClub di Lentini ed è guidato dalla portentosa Maria Arisco. Una giornata molto bella, più che primaverile. Salendo su per la strada che costeggia il cimitero di Lentini, sulla sinistra, strada che era un tempo centrale via di comunicazione per Pedagaggi, si arriva senza troppa fatica alla chiesa rupestre di san Giuseppe il Giusto. Un cartello turistico che volle far mettere Guglielmo Tocco indica la giusta direzione (sì, anche Guglielmo ha avuto attenzione per san Giuseppe Giusto; di Gugliemo abbiamo parlato su Girodivite).

Qui abbiamo ammirato il doppio strato di affreschi, che la nostra competente guida Italo Giordano (che è tra quelli che vent’anni or sono hanno fatto nascere Girodivite) ha indicato come post-terremoto e dunque settecenteschi.

E’ sorprendente scoprire quante cose una città come Lentini possiede, quanta storia. Anche, quanta bellezza. Forse, proprio a partire dalla riscoperta della bellezza di Lentini potrebbe iniziare un percorso virtuoso di valorizzazione di sé, che in questo momento sembra latitare in città.

La chiesa di san Giuseppe era parte di un complesso monumentale di proprietà dei francescani, che prima del terremoto possedevano nella zona non solo terre e feudi ma anche varie costruzioni e monasteri. Già dal pianoro della chiesetta è possibile guardare dall’alto tutta la semipiana con il Biviere, fino al mare, l’Etna, uno spicchio della megalopoli Catania. E naturalmente Lentini e (sulla destra) le prime appendici di Carlentini. E dentro, preziosissimi, gli affreschi.

L’ArcheoClub fa visite periodiche a questo complesso monumentale, anche per proteggerlo, ripulirlo - periodicamente i vandali usano buttare monnezza all’interno della chiesa -. Un’azione encomiabile da parte di una associazione di privati cittadini. Non vogliamo aggiungere altro.

20140222_093855

20140222_094045

20140222_094410

20140222_094441

20140222_094702

20140222_094746

20140222_100411

20140222_100609

20140222_100614

20140222_100627

20140222_100705

20140222_100716

20140222_101412

20140222_101613

20140222_101629

20140222_104732

20140222_104743

20140222_104750

20140222_105036

20140222_105937

20140222_113058



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -