Sei all'interno di >> :.: Culture | Arte |

La Medea di Siracusa

Si tiene dal 5 maggio al 30 settembre 2023, a Siracusa - al Mercato Vecchio - la mostra internazionale dedicata a Medea, curata da Demetrio Paparoni.

di Redazione - venerdì 5 maggio 2023 - 2303 letture

Una importante occasione per vedere opere di diversi artisti internazionali, tutti focalizzati sul tema di Medea - di cui quest’anno di celebra anche la tragedia al Teatro greco di Siracusa. La mostra, curata da Demetrio Paparoni, appassionato ed entusiasta critico che da diversi anni riesce a portare a Siracusa importanti occasioni per conoscere e "toccare con mano" opere altrimenti fruibili solo in altri circuiti culturali del Nord Italia, è un’occasione da non perdere per quanti sono attratti dall’arte e dalla riflessione sul tema (tragico) che ruota attorno al mito e al personaggio di Medea.

JPEG - 161.3 Kb
Locandina della mostra

MEDEA Mostra d’arte contemporanea a cura di Demetrio Paparoni: dal 5 maggio al 30 settembre 2023 Antico Mercato, Via Trento 2, Siracusa Con opere di: Margaux Bricler, Chiara Calore, Cian Dayrit, Helgi Thorgils Fridjónsson, Francesco De Grandi, Rusudan Khizanishvili, Sverre Malling, Rafael Megall, Ruben Pang, Daniel Pitin, Nazzarena Poli Maramotti, Vera Portatadino, Nicola Samorì, Natee Utarit, Ruprecht Von Kaufmann, Wang Guangyi, Yue Minjun.

JPEG - 220.8 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 01
JPEG - 152.7 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 02
JPEG - 89 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 03
JPEG - 177.3 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 04
JPEG - 124.9 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 05
JPEG - 499.2 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 06
JPEG - 247 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 07
JPEG - 181.9 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 08
JPEG - 378.6 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 09 - Particolare

Posta a soglia della mostra, al centro del cortile del Mercato Vecchio, l’installazione "La connessione vitale di un rampicante" di Giuseppe Mulas. È una mostra nella mostra, una proiezione mitologica che precede l’antro (la mostra su Medea accolta nelle sale espositive al chiuso), il mostro necessario posto a sorveglianza permanente e viatico per la discesa nella tana della nostra interiorità, all’interno della quale si agitano mostri - paure - rimpianti - desideri... questa Medea attorno cui abbiamo costruito un intero immaginario di proiezioni di noi stessi.

JPEG - 278.7 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 10
JPEG - 129.1 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 11
JPEG - 196.6 Kb
Siracusa - 5 maggio 2023 - Medea, mostra al Vecchio Mercato 12 - La firma delle locandine

Come scrive Demetrio Paparoni nel suo testo critico: “La complessa figura di Medea e la sua vicenda sono state nei secoli oggetto di molteplici riscritture, da Euripide a Seneca, da Jean Anouilh a Christa Wolf. Ritroviamo in Medea temi universali e attuali: oltre al tradimento della famiglia e della patria, la vendetta e la violenza, lo scontro tra pragmatismo e sentimento, l’amore distruttivo, l’esilio e la condizione dello straniero, la rivendicazione di parità tra uomo e donna. Le implicazioni e le valenze simboliche che si annidano in questo mito sono tali e tante da averne fatto l’oggetto di numerose rappresentazioni anche da parte di pittori e scultori, che lo hanno interpretato secondo lo spirito del loro tempo. Per quanto il segmento della storia che colpisce maggiormente l’immaginazione, turbandola, sia l’uccisione dei figli, sono pochi gli artisti che hanno focalizzato la propria attenzione sul momento in cui si scatena la violenza”.

“La mostra d’arte contemporanea Medea propone opere appositamente concepite per questo evento non solo da artisti italiani. – così dichiara il Sindaco di Siracusa Francesco Italia – Si tratta di autori di indiscusso valore, che proprio a Siracusa hanno accettato di dialogare sul tema di Medea. Mi preme evidenziare che tra di loro c’è la georgiana Rusudan Khizanishvili, proveniente dagli stessi luoghi dell’antica Colchide da cui, secondo il mito, Medea giunse a Corinto. Ed è proprio da Corinto che partirono gli antichi coloni che fondarono Siracusa nel 734 a.C. Infine, sono particolarmente soddisfatto di aver rinfocolato, con questa mostra, il già intenso legame fra Demetrio Paparoni, critico siracusano che si è imposto sul piano internazionale, e la nostra città”. Fabio Granata, Assessore alla cultura della Città di Siracusa aggiunge: “La storia di Medea è adesso “raccontata” a Siracusa attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea, con la rievocazione della tragedia di Euripide e il riferimento a Corinto, quindi alle radici più antiche della nostra Siracusa, e tutto questo nel cuore di Ortigia, nello scenario dell’Antico Mercato. Questa grande grande mostra è un evento culturale unico che, sono certo, lascerà il segno”.

Il catalogo della mostra è edito da Skira.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -