La Città di Lentini (Sr) preme sull’Amministrazione Comunale per la biblioteca comunale e Palazzo Beneventano

I firmatari della lettera aperta incontrano l’Amministrazione Comunale
di Emanuele G. - giovedì 1 dicembre 2011 - 2253 letture

I sottoscrittori della lettera aperta, diffusa qualche giorno fa, hanno incontrato martedì 29 novembre l’assessore alla cultura Nuccia Tronco per rappresentare l’urgenza di risolvere in tempi rapidi atavici problemi quali la biblioteca comunale e Palazzo Beneventano.

Durante l’incontro si è sgombrato il campo da ogni questione di carattere personale al fine di fare prevalere gli interessi della comunità lentinese. Infatti si è riaffermata la necessità di una più attenta gestione della biblioteca vista la sua evidente utilità sociale e il degrado inaccettabile in cui versa attualmente.

La questione biblioteca e quella di Palazzo Beneventano sono legate in quanto, prima o poi, la Biblioteca si dovra’ trasferire per l’avvio dei lavori di restauro (meglio adesso che poi). Delle varie ipotesi di spostamento quella più dignitosa è apparsa – al momento - quella del trasferimento temporaneo nel complesso edilizio di Palazzo Beneventano. Possibilità questa che però non potrà concretizzarsi in poco tempo, considerato l’iter burocratico di fine lavori e relativo collaudo.

In attesa dell’evolversi della situazione - attesa che bisogna rendere il più breve possibile e per cui è determinante l’azione amministrativa - i firmatari della lettera hanno suggerito alcuni interventi nell’attuale sito della biblioteca per renderla più fruibile.

Queste sono le proposte operative:

1. Ripristinare al più presto l’energia elettrica, anche per garantire condizioni minime accettabili di lavoro al personale;

2. Spostare le carpette con le raccolte di quotidiani e gazzette ufficiali vista la possibilità di disporne per via digitale;

3. Spostare i volumi attualmente posizionati sui tavoli riservati alla lettura negli attigui locali dell’ex AIAS, previo acquisto di scaffalature con i fondi già stanziati per la biblioteca;

4. Avviare immediatamente la catalogazione informatizzata (per cui l’Amministrazione paga un canone annuo) impiegando il personale formato a questo scopo.

Si tratta di scelte amministrative e gestionali su cui l’assessore si è impegnato a riferire nel corso di un prossimo incontro.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -