Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

Il siero della vanità

Nel film di Infascelli, una nuova ispettrice di polizia ha il volto invecchiato e sofferto di Margherita Buy.
di Pina La Villa - domenica 25 aprile 2004 - 3549 letture

25 aprile 2004

JPEG - 7 Kb
Margherita Buy

Una nuova ispettrice di polizia si aggira nell’immaginario letterario europeo, dopo Petra Delicado di Alicia Jimenz-Bartlett (spagnola) e Anastasija Kamenskaja di Alexandra Marinina (russa).

Stavolta è italiana e a crearla non è una donna, ma uno scrittore e un regista "giovani", Niccolò Ammanniti e Alex Infascelli. Soggetto del primo (autore di Ti prendo e ti porto via e di Io non ho paura, da cui Gabriele Salvatores ha tratto l’omonimo film) e regia del secondo, il film Il siero della vanità, al cinema in questi giorni, ha come protagonista una ispettrice di polizia che ha il volto invecchiato e sofferto di Margherita Buy.

Anche lei, come Petra e come Anastasija , è una donna attorno ai quaranta anni, sola, provata dalla vita, disillusa.Non particolarmente brillanti nelle indagini, tutti e tre i personaggi hanno però grande capacità di lavoro, sono tenaci, analitiche e, ovviamente, intuitive.

Quanto, in questi personaggi così simili, è frutto di "letteratura" - che si nutre di se stessa - e quanto ha a che fare con l’esistenza e la verità di un certo tipo antropologico? Non mi riferisco solo alla relativa, recente, novità del ruolo (le donne in polizia esistono da qualche decennio),quanto ad alcune caratteristiche socio-psicologiche di questi personaggi.

La solitudine, subita nel personaggio italiano, voluta negli altri; l’età, attorno ai quaranta, che rivaluta un’epoca della vita femminile che in passato non veniva praticamente presa in considerazione;la durezza del carattere, frutto di esperienza e delle delusioni passate ma non sempre (per esempio non in Anastasija, egoista da sempre, tutta immersa nel proprio lavoro, inetta nello stabilire rapporti positivi col prossimo).

Si tratta solo del fatto di aver declinato al femminile alcuni caratteri tipici dell’investigatore dei thriller americani, o c’è dell’altro?

I tag per questo articolo: | |

Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -