Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Scuola & Università |

Il mio saluto alla mia quinta elementare

Cercate sempre la verità, a costo di soffrire siate veri. Non nascondetevi dietro dei paraventi di apparenze, siate veri ed esigiate verità.

di Blanca - venerdì 9 giugno 2023 - 989 letture

Ai miei alunni di quinta, in un anno che è questo presente, il 2023. A voi di “questa” 5D con cui ho condiviso molti momenti, anche difficili, in cui ho cercato di infondervi un po’ di coraggio, per poi scoprire che il coraggio me lo davate voi. Ogni giorno per 5 anni siete stati parte della mia vita, una famiglia oltre me stessa, mio figlio e i miei gatti.

I piccoli miracoli quotidiani negli anni, il vedervi leggere, contare le vostre dita, sorridere spalancando finestrelle, ha dato gioia al mio lavoro. Aver festeggiato topolini e fatine dei denti, cantato quanto siate bravi ragazzi e nessuno lo può negare. Nessuno potrà mai negare che mi avete chiesto il permesso di bere, di alzarvi e di andare in bagno quando era necessario. Nessuno può negare che sapete essere la versione migliore di voi stessi, quando volete.

È stato bello lavorare tutti insieme, come se salissimo a bordo di un’ enorme macchina e viaggiassimo tra immagini, parole e scoperte. Talvolta sono stata dura lo so. Ma spero abbiate gradito le ricompense. Perché il duro lavoro viene ricompensato con grandi libertà, che voi avete avuto. Ricordatevi che mentre gli altri pranzavano in una palestra, voi scorrazzavate sulla piazza di Mineo, davanti alla scritta Partito Comunista Italiano, come dentro alla vita di altri tempi, al suono di risate e giochi improvvisati.

Tante le cose fatte insieme, ne cito solo qualcuna. Vi ho addormentato dalla punta dei piedi alla punta dei capelli stesi sul pavimento della palestra; quando siamo andati al teatro Bellini che eravate più preparati degli attori a momenti! Al Metropolitan è stato bello vederci seduti in prima fila con condotta esemplare da vecchi abbonati!

Avete conquistato i vostri momenti e le vostre virtù giorno per giorno. Avete costruito la vostra dignità di cittadino che ha sentito parlare di cos’è un genocidio, che ha protestato contro la guerra, che ha indossato mascherine e disinfettato le mani per due anni, mantenendo le distanze e restando al freddo per tenere le finestre aperte. Perché siete dei bravi ragazzi e nessuno lo può negar che siete diventati grandi insieme e vi conoscete.

Ognuno di voi è un pezzo di questa grande macchina che è una classe, dove una maestra vi mette a turno al volante e vi insegna ad andare, qualunque sia la direzione. Perché quella la sceglierete strada facendo. Prima di tutto impariamo a guidare e cioè a stare al mondo, così ovunque andremo troveremo visi amici e di noi ciascuno avrà piacere di aver fatto conoscenza.

Nessuno può negare che siete stati dei bravi conducenti, nonostante le buche e le curve che le strade ci riservano. Dentro di voi stanno le risposte più importanti, la capacità di scegliere, il prendere in mano le nostre vite e farne qualcosa di unico. Cercate sempre la verità, a costo di soffrire siate veri. Non nascondetevi dietro dei paraventi di apparenze, siate veri ed esigiate verità. Vivete e guardatevi intorno. Il mondo è più di quello che ci circonda e tuttavia ciò che ci circonda può essere diverso se lo si guarda tutti insieme.

Anche se non ci vedremo più così spesso, io sono molto felice per voi, perché è la vita che vi porta ad andare avanti. Sono sicura che ciò che vi ho dato lo porterete sempre con voi. Sono anche sicura che il vostro ricordo preferito sia l’ultima gita fatta insieme. Invece a me scalderà per sempre il cuore il ricordo dei vostri pigiamini nelle mattine in dad e il vedere dove ogni giorno vi siete svegliati. Se avrete bisogno di me, non esitate a cercarmi! E adesso riponiamo gli strumenti delle nostre fatiche e godiamoci un’altra estate. Take care! Abbiate cura ! ❤️


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -