Sei all'interno di >> :.: Culture | Teatro |

IL PIRATA di VINCENZO BELLINI - Al Teatro Massimo Bellini di Catania

Dal 23 settembre al 3 ottobre
di Redazione - venerdì 20 settembre 2019 - 1740 letture

Il pirata

Melodramma in due atti di Felice Romani

Musica di Vincenzo Bellini

Personaggi e interpreti

Ernesto Francesco Verna / Salvatore Grigoli (25, 28 settembre, 1 ottobre)

Imogene Francesca Tiburzi / Letitia Vitelaru (25, 28 settembre, 1 ottobre)

Gualtiero Filippo Adami / Deniz Leone (25, 28 settembre, 1 ottobre)

Itulbo Riccardo Palazzo

Goffredo Sinan Yan

Adele Alexandra Oikonomou

Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini

Direttore Miquel Ortega

Maestro del coro Luigi Petrozziello

Regia Giovanni Anfuso

Scene Giovanna Giorgianni

Costumi Riccardo Cappello

Assistente alla regia Angelo D’Agosta

Nuovo allestimento scenico

Con sopratitoli in italiano e in inglese

a cura di Prescott Studio, Firenze,

con Inserra Chair (Montclair State University) e ICAMus, USA

Durata 2 ore 50 minuti (con un intervallo)

Prima rappresentazione

Lunedì 23 settembre 2019 ore 20,30 (Turno A)

Repliche

Mercoledì 25 settembre 2019 ore 17,30 (Turno S1)

Giovedì 26 settembre 2019 ore 20,30 (Turno B)

Sabato 28 settembre 2019 ore 17,30 (Turno S2)

Domenica 29 settembre 2019 ore 17,30 (Turno D)

Martedì 1 ottobre 2019 ore 17,30 (Turno R)

Mercoledì 2 ottobre 2019 ore 17,30 (Turno C)

Il capolavoro del Cigno catanese sarà in scena al Teatro Bellini di Catania dal 23 settembre, anniversario della morte, al 2 ottobre

anfuso

"IL PIRATA" DI VINCENZO BELLINI, PROTOTIPO DEL MELODRAMMA ROMANTICO ITALIANO

GLI SPETTATORI POTRANNO AMMIRARE IL SIPARIO DI SCIUTI FINALMENTE RIPRISTINATO

Direttore Miquel Ortega, regia di Giovanni Anfuso, scene Giovanna Giorgianni, costumi Riccardo Cappello

Interpreti principali Filippo Adami, Francesca Tiburzi, Francesco Verna

Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini, maestro del coro Luigi Petrozziello

CATANIA - «L’istessa lingua italiana non ha termini come descrivere lo spirito tumultuante che investiva il pubblico, chiamandomi sul palco». Vivamente emozionato, con queste parole Vincenzo Bellini partecipava ai familiari l’autentico «furore» suscitato dal debutto del compositore al Teatro alla Scala di Milano, la sera del 27 ottobre 182, con l’opera Il pirata. Si trattava, infatti, di una rivoluzione copernicana nella concezione stessa della drammaturgia musicale di primo Ottocentesco, che puntava adesso su un soggetto innovativo in linea con il nascente Romantismo: la guerra contro il fato ingaggiata dal nobile Gualtiero, un ribelle di stampo byroniano, che si è fatto pirata per vendicare i torti subiti dalla famiglia. Scelta di vita devastante, perché troppo doloroso è stato per lui il distacco da Imogene, la donna amata, per la quale nutre un sentimento assoluto e che spera di fare ancora sua, ignorando sia stata sposata a forza al suo rivale politico, Ernesto, duca di Caldora, immaginaria località della costa sicula.

Assente dalle scene catanesi dal gennaio del 2001, quando inaugurò le celebrazioni per il bicentenario della nascita di Vincenzo Bellini con una memorabile produzione, Il pirata ritorna al Teatro Massimo Bellini di Catania dal 23 settembre, giorno anniversario della morte del compositore, al 2 ottobre. Sul podio Miquel Ortega, rinomato direttore e compositore catalano, mentre Giovanni Anfuso, applaudito per le sue recenti produzioni kolossal alle Gole dell’Alcantara, firma un nuovo allestimento dell’opera. Nelle recite del 23, 26 e 29 settembre il cast sarà guidato dal tenore Filippo Adami (Gualtiero) e dal soprano Francesca Tiburzi (Imogene), entrambi già tra i protagonisti della Straniera che aveva inaugurato la stagione lirica 2017, qui affiancati dal baritono Francesco Verna (Ernesto). Nelle recite del 25 e 28 settembre e 1 ottobre, subentreranno rispettivamente il tenore Deniz Leone, il soprano Letitia Vitelaru e il baritono Salvatore Grigoli. Nei ruoli di fianco Riccardo Palazzo (Itulbo), Sinan Yan (Goffredo), Alexandra Oikonomou (Adele).

Da rilevare che a partire dalla programmazione del Pirata verrà finalmente ripristinato - e restituito alla fruizione del pubblico e dei visitatori - l’uso del sipario dipinto dal grande pittore Giuseppe Sciuti, originario di Zafferana Etnea e considerato il maggiore freschista dell’Ottocento. Da sottolineare altresì la sinergia stretta con il Consorzio del cioccolato di Modica IGP che la sera della prima distribuirà al pubblico variegate prelibatezze dolciarie, ribattezzate con il nome del compositore, quello del teatro a lui intestato e con il titolo dell’opera rappresentata,

Autentico incunabolo dell’estetica romantica, di cui è considerato una pietra miliare, Il pirata vede la luce nell’ambito di quei circoli intellettuali milanesi, sensibili alle istanze libertarie, che gravitano intorno alla figura di Andrea Maffei, traduttore e divulgatore delle ultime novità del panorama culturale europeo. Madame de Staël e i fratelli Schlegel, Schiller e appunto Byron sono i punti di riferimento di nuovi codici espressivi, ormai lontani dagli ideali classicisti della Restaurazione, destinati a far presa sul giovane musicista catanese, fresco di studi nel blasonato agone partenopeo, e sul suo librettista, Felice Romani, con cui avrebbe avviato uno dei più fecondi sodalizi artistici dell’intera storia del melodramma.

Alla prima scaligera, a dar vita a questi personaggi, cui è negata la felicità sulla terra e che per questo vengono travolti da un ineluttabile cupio dissolvi, viene selezionata una compagnia di canto stellare: accanto al soprano Henriette Méric-Lalande (Imogene) e al baritono Antonio Tamburini (Ernesto) spicca nel ruolo del titolo il tenore Giovanni Battista Rubini (Gualtiero) – «non si può desiderare di meglio», avrebbe chiosato il compositore a tal proposito – chiamato a dar voce, con il suo canto angelicato, a un inafferrabile ideale di slancio e giovinezza, lealtà e valore.

L’anniversario del 23 settembre verrà dunque onorato con la messinscena di uno dei melodrammi più significati del repertorio romantico. Come si è anticipato, il Teatro Bellini potrà contare sul Consorzio del Cioccolato di Modica IGP per accogliere il pubblico della prima.

“Il Consorzio del Cioccolato di Modica IGP - dichiara il direttore generale Antonino Scivoletto - celebra l’eccellenza musicale siciliana, producendo barrette dedicate al Cigno catanese e al Teatro Massimo Bellini; quella intitolata al Pirata, sarà offerta in dono in occasione della apertura delle celebrazioni belliniane. Una scelta, frutto di un accordo fortemente voluto dal Commissario Straordinario del Teatro, Daniela Lo Cascio, che mira a rafforzare i legami tra le città di Modica e di Catania e punta alla affermazione del valore della cultura anche come attrattore turistico”.

Nel foyer del Teatro, un’azienda del Consorzio, Antica Dolceria Rizza, proporrà in degustazione al grande pubblico sia il cioccolato di Modica Igp che una speciale pralina della serie “I Cigni di Bellini”, dedicata appunto al Pirata. Si tratta di una delle dieci praline intitolate alle opere del musicista catanese.

Info www.teatromassimobellini.it


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -