Gubbio val bene un inverno

Andare a Gubbio d’inverno...
di Redazione Cartamenù - domenica 1 marzo 2009 - 2963 letture

Gubbio "è" l’inverno. Non c’è dubbio. Tra le montagne innevate, le strade deserte, i pochi passanti (dutti eugubbini, nessun turista) infreddoliti. L’aria limpida e la luce splendida dell’inverno. Siamo arrivati a Gubbio scendendo per il valico di Scheggia, attraversando cioè le montagne innevate e scendendo attraverso i tornanti fino alle porte della città vecchia.

Per la cronaca: abbiamo pranzato in pieno centro, al ristorante / hotel Consoli. Ci aspettavamo un posto sospettosamente "turistico" e invece abbiamo trovato una cucina deliziosa, attenta, di qualità. Un posto da ritrovare senz’altro.

Piatti del giorno: antipasto a base di bruschetta e salumi, primo di "umbratili" con funghi e pomodori di Pachino (gli umbratili sono pasta lunga all’uovo, tirata a mano). Medaglioni di carne di maiale e pancetta con salsa a base di funghi. Crostata di marmellata di frutti di bosco, "tozzi" accompagnati da vin santo.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -