Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

Come si diventa nazisti

par Pina La Villa - vendredi 25 janvier 2008 - 3287 letture

Allen William S., Come si diventa nazisti, Einaudi

Nel 1933 Adolf Hitler diventa cancelliere : i tedeschi lo hanno votato in massa e il Presidente Hindenburg gli ha affidato il compito di formare il governo. "La maggior parte dei suoi elettori, probabilmente né si aspettava né riconobbe inmediatamente il “colpo di stato a rate” che egli portó a compimento nei mesi successivi ; il senno di poi scarseggiava anche allora, e a quella parziale cecitá contribuí pure il desiderio smisurato di veder arrivare l’uomo della provvidenza con la soluzione a tutti i problemi. Disoccupazione, inflazione, umiliazione" [...] Ognuno votò per un motivo, molti ebbero ragione di pentirsi – e purtroppo era troppo tardi. Al giorno d’oggi, sarebbe possibile ricadere in questo errore ? Gli elettori moderni ( ?) dispongono di un arsenale democratico ed analitico per riconoscere un “dittatore in nuce” e negargli il consenso ? William Sheridan Allen, americano dell’Illinois, azzarda una risposta. Lo fa adottando un punto di vista non tradizionale : non giá l’alta politica coi suoi accordi interni e le sue alleanze, ma la vita quotidiana di un piccolo paesino dell’Hannover ; non Hitler, Goëring e Goebbels ma il libraio, il vice-sindaco e l’operaio dello zuccherificio ; non l’orrore dell’olocausto ma il disagio di cambiare di marciapiede per non obbligare l’amico ebreo a salutarti col braccio teso. Ed é cosí che nelle 279 pagine di “Come si diventa nazisti” l’autore ci racconta di cinque anni drammatici, unici e – speriamo – irripetibili : dal 1930 – anno in cui il nazismo pare solo folklore – al 1935, con la sua ormai ferrea e ineludibile dittatura [...] Con soli diecimila abitanti, senza alcun segno caratteristico, perduta in una valle dell’Hannover, Thalburg e la sua nazificazione sono un coacervo di storie universali : il dramma della sconfitta di un ideale, la comicitá involontaria degli adulatori, la demenzialità del razzismo, la spudoratezza dei nuovi capi".

Dalla recensione di Paolo Miscia al libro su http://www.librando.net/content/view/3801/2/


Répondre à cet article - Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Come si diventa nazisti
14 février 2008, par : Nando

POTREBBE BASTARE ANCHE INTERNET !
Come si diventa nazisti
18 février 2008, par : Riccardo

Chiudere gli occhi dinanzi ai drammi della nostra società credo che sia sufficiente.

A questo scopo basta usare l’alchimia libraria.

Quei bastardi bruciavano i libri ; anche l’alchimia libraria li brucia sull’altare di una musa insolente che trasforma le verità in storia mitologica per consumatori annoiati dalla verità.

Gli unici libri sul nazismo che accetto sono quelli che ne parlano in termini veritieri, senza superfetazioni alchemiche, mostrandolo esattamente per ciò che era : un orrore della storia !