Er gatto Silviostro

Daje e ridaje, sti topastri se organizzaro proprio bbene.E vedi un po’ che te succede?
di enza - mercoledì 14 aprile 2010 - 2414 letture

C’era na vorta n’ gatto che faceva er malandrino giranno pe la città. Era impunito, prepotente,voleva comannà.

Crocchiava tutti li poveri topi che s’arritrovava davanti. Si nun se li magnava li faceva core ca lingua de fora come pore bestie, st’ infamone de ‘n gatto.

Allora sì che fecero li topi: stanchi d’esse menati e de pedalà fecero na bella società pe difenderse da sto fijo de bona donna.

Se dissero, qua dovemo pe forza fa a rivoluzione si nun volemo finì ne la panza der gatto o stecchiti de fatica a forza de core come disperati, a li mortacci sua.

Daje e ridaje, sti topastri se organizzaro proprio bbene.E vedi un po’ che te succede? Un giorno er gattaccio, tutto imbruttito, incontra er capo topo e je fa”Mo me te magno”

Ma er topo, furbo, je risponne” Ah cocco, nun me fa ride, mo li tempi so cambiati che nce lo sai? Ta ricordi quannerano tempi de topi?

Ah Silvio, ta ricordi de come facevi sgommà tutti li topi ogni vorta che giravi qua dattorno, a Ponte Milvio?

Mbè, mo a solfa è cambiata, nun semo più deboli come na vorta, ce semo uniti, mo noi semo li gatti e tu er topo.Ah bello, datte na mossa, vedi de smammà, si nun voi fa a fine de ‘n povero topo, vedi d’annattene, va”


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -