Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento | Amref Italia |

Emergenza Alluvioni: oltre 200 vittime in Kenya

I nostri operatori sul campo lottano contro il tempo per portare un primo fondamentale supporto alla popolazione, mentre la situazione continua a peggiorare.

di Amref Italia - mercoledì 15 maggio 2024 - 614 letture

Dopo anni di siccità, il Kenya è ora travolto dalle piogge torrenziali. Il bilancio delle vittime e degli sfollati cresce in modo drammatico di ora in ora.

238 le vittime accertate

250mila le persone colpite

47mila sfollati

L’arrivo del ciclone Hidaya, previsto per lunedì 6 maggio, minaccia di aggravare ulteriormente la crisi, con raffiche di vento superiori ai 120 km/h e piogge torrenziali per almeno 5 giorni.

Il presidente del Kenya, William Ruto, lancia un urgente appello alle organizzazioni sanitarie mondiali per un aiuto concreto e immediato.

“L’Organizzazione mondiale della sanità, il World food programme e Amref sono organizzazioni fondamentali per aiutarci ad affrontare questa emergenza: c’è bisogno di farmaci, operatori sanitari e cibo per assistere le vittime” ha dichiarato.

Le infrastrutture idriche sono compromesse, con rischi di epidemie di colera, tifo e altre malattie gastrointestinali in aumento.

Le dighe sono crollate, mentre le altre sono sull’orlo del superamento dei livelli di guardia.

Le inondazioni hanno distrutto le riserve alimentari e gli allevamenti, aggiungendo la fame estrema alle malattie causate dalla mancanza di acqua pulita.

I nostri operatori sul campo lottano contro il tempo per portare un primo fondamentale supporto alla popolazione, mentre la situazione continua a peggiorare.

Grazie alle nostre cliniche mobili stiamo assistendo le persone che hanno perso tutto negli oltre 90 campi allestiti per l’emergenza.

Sosterremo gli operatori sanitari per garantire l’accesso alle cure pre e postnatali, ad altri servizi essenziali e forniremo cibo e beni di prima necessità per le donne e i bambini vulnerabili.

Forniremo anche farmaci essenziali, tra cui sali di reidratazione orale (ORS) per la diarrea, antibiotici per infezioni comuni, e farmaci antimalarici e vaccini.

Condurremo test diagnostici rapidi per malattie come il colera.

Stiamo, inoltre, accumulando scorte di beni e medicinali essenziali.

Fornitura di servizi igienico-sanitari di base

In questa emergenza garantire acqua pulita sarà fondamentale.

Per questo stiamo lavorando per intervenire sulle strutture idriche compromesse e per fornire alla popolazione sistemi di purificazione per l’acqua potabile, sapone, disinfettanti e prodotti per l’igiene.

Supporto psicologico agli operatori sanitari

A tutti gli operatori sanitari in prima linea nell’emergenza forniremo un supporto per garantire la loro salute mentale e aiutarli ad affrontare lo stress e i traumi legati a queste difficilissime operazioni sul campo.

Sorveglianza e sistemi di segnalazione delle emergenze

Rafforzeremo le capacità nazionali e delle contee per individuare, segnalare e comunicare efficacemente le minacce in tutto il paese.

Continueremo a sostenere i centri operativi di sanità pubblica sia nazionali che di contea e faciliteremo (con credito telefonico, pacchetti dati, ecc.) le squadre di sorveglianza nelle 6 contea più colpite.

Finora sono stati segnalati 94 casi sospetti di colera e stiamo lavorando a stretto contatto con le squadre di sorveglianza per garantire vaccinazioni, trattamento e attività di prevenzione.

Comunicazione e sensibilizzazione

Sosterremo promotori della salute comunitaria per favorire il coinvolgimento della popolazione e diffondere informazioni fondamentali sui rischi legati alle inondazioni come malattie trasmesse dall’acqua, morsi di serpenti e malattie trasmesse dalle zanzare, nonché per promuovere un’igiene sicura e un corretto smaltimento delle acque reflue.

Utilizzeremo anche i media di massa, in particolare le stazioni radio locali, per condividere messaggi critici sulla salute e avvisi precoci.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -