Sei all'interno di >> GiroBlog | L’Uomo Malpensante |

Emanuele Macaluso “La Politica Che Non C’è” (Castelvecchi)

Magistrale libro da parte di un immenso Emanuele Macaluso
di Emanuele G. - lunedì 21 novembre 2016 - 2336 letture

Inutile dilungarmi sul dirvi chi sia Emanuele Macaluso. Dirigente storico nazionale del PCI. Direttore de L’Unità. Sindacalista. Un pezzo essenziale della vera sinistra italiana. Una delle mente più lucide che abbiamo ancora in Italia. Un faro per le giovani generazioni in quanto dotato di un acume del tutto particolare nel sottoporre ad analisi processi politici, sociali, economici e di costume. Ha attraversato il c.d. “secolo breve” con un carisma gentile e lieve.

Il titolo del libro già rappresenta quale sarà il suo obiettivo: la politica che non c’è. Anzi che è evaporata. E qui si manifesta “in toto” l’estrema intelligenza politica e di scrittore di Emanuele Macaluso. Invece, di annoiarci con un lungo saggio dove spesso si dice tutto e il suo contrario…l’autore utilizza i suoi interventi su Facebook come Em.ma in modo da costruire un puzzle le cui tessere partecipano alla definizione del che cos’è l’Italia di oggi.

Ciò che impressiona, altresì, è l’estrema curiosità con cui si muove Emanuele Macaluso nel suo viaggio alle radici della questione di fondo del libro. Quella politica che sembra essersi evaporata. Lo fa con un piglio e un’autorevolezza senza pari. E in perfetta libertà. Da uomo libero che è sempre stato non guarda in faccia nessuno e con un discernimento politico appropriato mette in luce tutte le discrepanze di un sistema politico oramai andato. Anzi si parla chiaramente di “sonno della politica”. Un sonno che ha permesso e permette il progressivo deperimento delle conquiste democratiche frutto della lotte di intere generazioni di italiane e italiani. “La Politica Che Non C’è” è un “raccoglitore di chiavi” che danno accesso a un mondo oramai disintegrato e impoverito oltre ogni umano limite.

La politica non c’è in quanto assistiamo al perverso intreccio fra la sedicente politica e la crisi socio-economica che investe oramai da tempo il nostro paese. Una crisi che è frutto di una “sinistra” che si è ritirata da tutto. A partire dal Pd. Un partito sempre al “capolinea” e, pertanto, sempre più lontano dall’essere un partito vero. Crisi che rappresenta la crisi generale del sistema in quanto ne amplifica tutte le diffuse e pericolose criticità. Inoltre, questa crisi locale si collega alla crisi più generalizzata del socialismo europeo. Naturalmente Emanuele Macaluso non si auspica la sua dissoluzione in quanto esso – il Pd – appare come "il meno peggio". Tuttavia il problema rimane. Eccome se permane!

Infine, non si scherza con la storia. Tutto nasce – in pratica – da “una rottamazione della storia” che in Em.ma l’autore non riesce a tollerare. Bisogna con fare rapido riacquisire il senso della storia se intendiamo uscire dall’orribile vuoto che da anni ci persegue. Bisogna ritornare a guardare il mondo. Interrogarsi. Rileggere tutto quanto è necessario per riappropriarsi della storia. In quanto solo avendo un senso della storia possiamo distinguere dal punto di vista macchiavellico ciò che è vivo da ciò che è morto. E’ proprio la mancanza della storia che fa aumentare le disuguaglianze e le ingiustizie poiché solo la storia è la molla essenziale per combatterle. Soprattutto da quando le elites si sono impadronite delle sorti del paese e della sua “democrazia”.

“La Politica Che Non C’è” è un libro pesante e corposo che ha un peso specifico molto importante. In quanto frutto di discernimento. Una parola che non si usa più in questa Italia banale e tragica. Che Dio ti mantenga a lungo Emanuele Macaluso!

LINK UTILI:

https://www.facebook.com/emmacaluso/

http://www.castelvecchieditore.com/

CREDITI ICONOGRAFICI: La foto della copertina ci è stata fornita dalla casa editrice.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Versione per la stampa Versione per la stampa
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio

:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica