“ENOLIA”: alla scoperta dell’olio di qualità e dei prodotti tipici. Pedalando tra ulivi, gusto e cultura.

Enolia, primizie gastronomiche ed arte, è ormai giunta alla sua nona edizione.
di Letizia Tassinari - venerdì 25 aprile 2008 - 5084 letture

Enolia, primizie gastronomiche ed arte, è ormai giunta alla sua nona edizione. Presentata dal Presidente l’Apt Versilia Renato Baldi, alla presenza dell’assessore alle attività produttive del Comune di Seravezza Franco Carli e dal patron dell’Ideal Party Gabriele Ghirlanda, l’edizione 2008 che si svolgerà sabato 19 e domenica 20 aprile a Seravezza nell’area Medicea. Un evento di rilievo che, svolgendosi un un periodo di bassa stagione, contribuisce a potenziare quell’indirizzo che tutti gli operatori del settore stanno cercando di dare per destagionalizzare il turismo e per dare importanza sempre maggiore in Europa a quel turismo definito enogastronomico, accompaganato dalla valorizzazione del patrimonio naturale e artistico. Due giorni pieni di iniziative, dove i visitatori potranno non solo degustare i prodotti tipici, ma anche “gironzolare” tra gli ulivi con la ciclopedalata organizzata gratuitamente nella pianura Quercetana di Pozzi, visitare gli atelier di sei scultori e la mostra fotografica del professor Giovanni Nardini sul mondo contadino della Lucchesia “ I sentieri della memoria”. Insomma un appetitoso percorso di sapori, ideato e organizzato dal patron di Ideal Party Gabriele Ghirlanda, in collaborazione con l’Assessorato alle Attività Produttive di Seravezza, Provincia di Lucca, Apt Versilia e Camera di Commercio, che come di consueto regalerà una ‘due giorni’ a ingresso libero, che lo scorso anno ha calamitato oltre 10mila persone, dedicata al gusto con oltre 70 produttori: circa 30 quelli specializzati nella produzione di olio che proporranno al pubblico più di 100 varietà in degustazione. I buongustai potranno trovare anche salumi, formaggi, miele, varie tipologie di pane, farina di castagne, salse, lardo di Camaiore, spezie, biscotti, birra artigianale…oltre alle tipicità locali del Consorzio Sapori di Versilia. Il tutto distribuito in un itinerario di saperi che abbraccia le sale di Palazzo Mediceo ed il Giardino Mediceo. Quest’anno una particolare sezione dedicata al vino sarà gestita dai sommelier dello “Svicat” di Leone Ramacciotti e all’interno del Palazzo ci sarà anche una mostra di bonsai con 80 esemplari dell’Associazione Versiliese Bonsai. Non mancheranno poi mini corsi di degustazione dell’olio di oliva e un seminario (per 20 persone) con maestri caseari che nella giornata di domenica insegneranno a preparare il formaggio. “Enolia - spiega l’organizzatore Gabriele Ghirlanda - è una manifestazione cresciuta negli anni in modo esponenziale e che ha mutato la propria caratteristica, affiancando il suo tipico connotato di degustazioni gastronomiche ad una valenza fortemente turistica andando a congiungere il mare all’entroterra per scoprire una Versilia diversa dallo stereotipo balneare e del divertimento notturno e scoprirne un’altra fatta di cultura, marmo, sapori, tradizione e artigianato”. Patron Ghirlanda ha poi una sorpresa, il debutto ufficiale di un prodotto la cui anteprima fu presentata alla cena dei 20 anni dell’Ideal Party a Villa Cavanis: il pubblico avrà infatti l’occasione di gustare lo Scoppolato di Pedona un pregevolissimo formaggio di pecora riportato a nuova vita da Gabriele Ghirlanda che, attraverso antichi manoscritti dell’Ottocento, ne ha ricostruito le origini e la preparazione, oggi localizzata in una cantina settecentesca camaiorese. “Tristano, detto ‘Pedona’ _ racconta Ghirlanda – era un pastore camaiorese che indossava sempre la coppola e che fu incaricato da un signorotto lucchese di produrre formaggio con il latte delle pecore di sua proprietà che pascolavano alle Seimiglia. Il pastore però, per ingannare il padrone, mescolava latte di pecora con latte di mucca togliendosi la coppola in un inchino di facciata quando il proprietario lo rimproverava per lo scarso sapore del prodotto. Fino a quando il signorotto scoprì in una grotta le forme di delizioso cacio che il ‘Pedona’ preparava per se… La peculiarità di servizio del prodotto è il taglio, che deve essere ‘a scavo’ come avviene per il Parmigiano Reggiano”.Lo Scoppolato di Pedona è già stato assaggiato da importanti gourmet e da Dario Cecchini, l’estroso macellaio-poeta di Panzano in Chianti protagonista di trasmissioni tv e che ha partecipato allo spettacolare ‘funerale della bistecca’. Il formaggio è stato anche proposto in una serata di gala a Parma alla presenza di personaggi come l’allenatore del Milan Carlo Ancelotti, del critico d’arte Vittorio Sgarbi e di rappresentanti della famiglia Rosi produttrice del Parmacotto. Dopo Enolia è prevista la presentazione a Milano che darà il via ad una vera e propria tournée italiana dello Scoppolato. Gli appassionati di formaggio potranno degustare anche 4 differenti versioni del Brendan (formaggio di pecora): alle foglie di noci, al farro e birra, al paleo (erba medica ed erba comune) e al tabacco fresco del kentucky (lo stesso impiegato per i sigari toscani), tutti affinati in barrique in rovere. Altra primizia che verrà proposta a Enolia sarà il saporitissimo gelato alle erbe, invenzione della Gelateria Olimpia di Capezzano Pianore che lo scorso anno distribuì in degustazione il gelato all’olio d’oliva.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -