Sei all'interno di >> GiroBlog | Poesia |

E’ giorno

di Almina Madau - venerdì 8 febbraio 2008 - 3315 letture

E’ giorno.

Giorno d’inverno.

Il sole tiepido nascosto dalle nubi

sa di nostalgia e di pianto.

L’aria sparge malinconici

e umidi umori,

e l’anima mia dolente,

ingoia blocchi di delusione

e grigi bocconi

di perdute illusioni,

ricacciando nello stomaco

speranze

e visioni di azzurri bagliori.

Non c’è posto per la rabbia.

Non è il temporale.

Nessun tuono scuote il sentire.

Piove piano,

a lavare con costanza

e pazienza

la polvere

dai tetti che fumano

aliti

di interni calori.

Mi cullo.

Aspettando la notte,

aspetto il sorgere

di un nuovo sole.

Almina Madau

Est die.

Est die’jerru S’ispera caente costoida i nues ischit de ammentos e de prantu. S’aèra ghetat sentidos de lentore, e dolimas is’anima, resergadu ingullit e ranchidos mossos de pessares isperdidos, imberghende in’intragnas s’isperu e bisos de lughidas aèras. No bat logu pro s’anneu. No est tempestu. No bat tronu chi ischidat. Aba .. pispisat, e innetat cuntinu chin deju su pruere dae bovetas c’alenana dae intro, tebiores. Mi laccheddo. Isetende s’iscurore, isetto s’alvorinu e una noa ispera.

Giovanni Chessa


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -