Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni | Festival |

Al 37° Torino Film Festival è il cinema Horror a brillare di più

Reportage conclusivo dell’annuale ediuzione del Torino Film Festival. In collaborazione con Agenzia Radicale
di Vincenzo Basile - mercoledì 4 dicembre 2019 - 364 letture

Chi ricorda Either way, primo premio alla 29esima edizione e Nói Albinói, passato al 21esimo Tff e diventato uno dei film più noti nei paesi scandinavi? Quest’anno è di nuovo un film islandese, A white, whiteday di HlynurPálmason a vincere il TFF. In un brumoso paesino dell’Islanda, Ingimundur (Ingvar Sigurdsson), poliziotto, ha perso la moglie. Decide di ristrutturarela casa di famiglia e si prende cura della nipotina Salka. Questa la trama. Ne deriva un film pulsante di emozioni, sublime e terribile, con sbalzi di ritmo e tensione che nonostante le angosce e traumi narrati riesce a inglobare situazioni decisamente comiche.

Il Premio per la miglior attrice va a Viktoria Miroshnichenko e Vasilisa Perelygina, per il film "Dylda- Beanpole" del russo Kantemir Balagov. Giuseppe Battiston e Stefano Fresi ottengono ex aequo il riconoscimento come Miglior attore per "Il grande passo" di Antonio Padovan.

Miglior sceneggiatura a "Wet Season" di Anthony Chen (Singapore -Taiwan). Il premio del pubblico è andato a "Ms.White light" di Paul Shoulberg (Stati Uniti).

Premio Miglior Documentario Internazionalea "143 Rue dudesert" di HassenFerhani; Premio Speciale della giuria a "Khamsin" di Gre’goireCouvert e Gre’goire Orio. Il Premio Cipputi della giuria presieduta da Altan, va a "OhongVillage" di LungyinLim (Taiwan-Repubblica Ceca). Madrina e conduttrice della cerimonia di chiusura presso il Cinema Reposi di Torino, Carolina Crescentini.

E veniamo agli imperdibili. Da segnalare THE GOOD LIAR con due comprimari immensi, Helen Mirren e Ian Mc Kellen. Due anziani si conoscono attraverso un Social NetWork e diventano presto una coppia affiatata ma il passato di entrambi riemerge e trasforma la commedia in un giallo-noir sorprendentemente sofisticato. La sfida attoriale, data il consumato talento dei due, si conclude alla pari ma è il personaggio della Mirren che vince per carattere e simpatia. Nelle sale dal 5 dicembre.

Abel Ferrara con due film: l’autobiografico Tommaso, starring Daniel Defoe, cronaca voyeristica delle idiosincrasie, gelosie, vanitá e paranoie del regista e The Projectionist, celebrazione del cinema d’autore e dei coraggiosi esercenti che si battono per la sua permanenza nelle sale, in contrasto con le politiche delle Majors, sempre quelle.

Piú interessante la ricca sezione dei Classici Horror Restaurati. Da segnalare Doctor Jekill and Sister Hide, nel quale lo scienziato si trasforma in una affascinante quanto irresistibile seduttrice e La maschera di Frankenstein con un Christopher Lee impacciatissimo nell’insolito ruolo della Creatura, prima di diventare l’Icona horrorper antonomasia, il Dracula della Hammer, la casa di produzione inglese che lo elevó a fenomeno planetario, imitatissimo, insuperabile.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Versione per la stampa Versione per la stampa
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio

:.: Documenti allegati










White Day

:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica