Sei all'interno di >> Flash |

Addio alla scrittrice brasiliana Nélida Piñon

di Redazione Zerobook - domenica 18 dicembre 2022 - 2597 letture

La scrittrice e accademica brasiliana Nélida Piñon è morta all’età di 85 anni a Lisbona sabato (17). Occupante della cattedra 30 dell’Accademia Brasiliana di Lettere (GLA), per la quale è stata eletta il 27 luglio 1989, è stata la prima donna a presiedere l’entità in 100 anni.

La causa della morte non è stata divulgata. Secondo l’attuale presidente del GLA, Merval Pereira, ha avuto problemi ai dotti biliari e ha subito un intervento chirurgico d’urgenza, ma non ha resistito.

"È una perdita per la letteratura brasiliana. Era probabilmente la più grande scrittrice vivente del paese", ha detto Pereira in un’intervista a Globonews.

Secondo il GLA, la sepoltura avverrà nel mausoleo dell’entità, che farà una sessione di Saudade il 2 marzo 2023, nella Sala Nobile, in onore dell’autore. "Nélida era uno dei più grandi rappresentanti della letteratura brasiliana", ha detto l’organizzazione in una nota.

Nélida Piñon è nata a Rio de Janeiro nel 1937 e si è laureata in Giornalismo presso la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro.

Secondo il sito web della ABL, è stata la prima donna al mondo a presiedere un’accademia di lettere.

Con più di 20 libri pubblicati, le sue opere sono state tradotte in più di 30 paesi. Tra questi, romanzi, racconti, saggi, discorsi, cronache e ricordi.

Vincitrice di decine di premi, nazionali e internazionali, ha collaborato a diversi giornali e riviste letterarie ed è stata corrispondente in Brasile per la rivista "Mundo Nuevo", a Parigi.

Il suo primo romanzo è stato pubblicato nel 1961, "Guida-mappa di Gabriele arcangelo". Nel 1972, ha pubblicato "A Casa da Paixão", considerato uno dei suoi romanzi migliori e più conosciuti, vincitore del Premio Mário de Andrade.

Tra i premi vinti ci sono il Premio Internazionale Juan Rulfo per la letteratura latinoamericana e caraibica nel 1995 (assegnato per la prima volta a una donna e a un autore di lingua portoghese); la Biennale Nestlé, categoria romanzi, per l’intera opera, nel 1991, e l’APCA e il Pen Club Fiction Award, entrambi nel 1985, per il romanzo "La Repubblica dei sogni".

Nélida ha tenuto la cattedra Henry King Stanford in Scienze Umanistiche presso l’Università di Miami dal 1990 al 2003 (precedentemente detenuta da Isaac Baschevis Singer, Premio Nobel per la letteratura nel 1978).

Nel 1998, è stata la prima donna a ricevere il Dottore Honoris Causa dall’Università di Santiago de Compostela, Spagna, 1998.

Nélida era il quinto occupante della sedia 30 del GLA, che ha come patrono Sparrow Mallet. Gli altri occupanti che precedettero lo scrittore furono Pedro Rabelo (fondatore), Heráclito Graça, Antônio Austregésilo e Aurelio Buarque de Holanda.

A gennaio ha ricevuto la nazionalità spagnola, paese per il quale ha sempre avuto una stretta vicinanza, a causa dei nonni galiziani.

"Oggi sono il brasiliano che è sempre stato e ho aggiunto, a questa meravigliosa nazionalità brasiliana, la nazionalità spagnola e appartengo all’Unione Europea. Quando penso alla Spagna, penso ai suoi grandi morti. Cervantes, per esempio (...) Penso ai miei morti, a mio nonno Daniel, a mia nonna Mada, a mia madre Carmen, al mio amato padre, Lino", disse lo scrittore all’epoca.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -