Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni |

Addio Ennio

La colonna sonora di una vita, l’essenza del cinema che si fa armonia e tante, oniriche, trascinanti e suadenti melodie. A 91 anni se ne è andato Ennio Morricone
di Piero Buscemi - lunedì 6 luglio 2020 - 1510 letture

In qualsiasi redazione c’è un angolo di archivio che non molti redattori amano consultare. Un compito ingrato che a turno spetta come incombenza, tra le varie attività che un giornale comporta. In questo archivio sono raccolti i così detti "coccodrilli" che riassumono la vita e l’arte di moltissimi personaggi di dominio pubblico, pronti ad essere pubblicati quando uno di essi muore improvvisamente.

Con Ennio Morricone si è rischiato volentieri di rimanere impreparati, come un altro sogno ad occhi aperti che avrebbe stravolto le leggi di natura, che prevedono in ogni caso un inizio ed una fine. Abbiamo voluto con presunzione inserirlo di diritto nella lista degli immortali ideali, quelli che fanno parte della nostra vita in maniera indelebile, quelli che riescono ancora a farci percepire un’appartenenza al mondo dell’arte e della cultura. Quelli che rimarranno sempre im un angolo buio della notte dove rifugiarsi per scacciare i cattivi pensieri.

Ennio Morricone è stato il cinema che si trasforma in pathos. Sequenze musicali che hanno innalzato i personaggi creati dai registi in mito. Ci siamo soffermati tante volte davanti al pensiero che ci ha fatto supporre che la musica del maestro avesse condizionato le immagini, e non il contrario. Un dilemma che nessuno sarà in grado di sfatarci. La certezza che senza quelle melodie, nessun film che si sia pregiato del suo sottofondo, potesse mai riaccendere i sensori intimisti che ci hanno costretto a cercare noi stessi nei film. Nessuno che potesse essere riconosciuto sin dalle prime note, prima ancora di un caratteristico fotogramma.

Il mondo intero, non solo quello cinematografico, si trascinerà per sempre un debito culturale nei confronti di Ennio Morricone. Quella consolazione emotiva che ci ha fatto anche giocare a riconoscere i titoli dei film attraverso le sue musiche. C’è una strana voglia di sintonizzarsi sulle sue note, attraverso una radio, un cd di raccolta o un più nobile vecchio vinile, per provare ad allungare questo rapporto con le emozioni che il vuoto della sua scomparsa non riuscirà mai a narcotizzare nelle nostre menti.

Ennio Morricone, compositore, musicista, direttore d’orchestra e arrangiatore italiano. Nato a Roma il 10 novembre 1928, dove è deceduto il 6 luglio 2020

JPEG - 94.8 Kb
Ennio Morricone


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -