A proposito di Xirumi: finalmente anche Lentini ha l’assessore coraggioso

Abbiamo letto sulle pagine del giornale locale La Notizia (sabato 28 ottobre 2006) la risposta dell’assessore Cirino Cillepi a Paolo Ragazzi. Il nostro assessore, a proposito del progetto dell’insediamento per U.S. Navy, sostiene:
di DDISA - domenica 12 novembre 2006 - 3701 letture

A proposito di Xirumi: finalmente anche Lentini ha l’assessore coraggioso

Abbiamo letto sulle pagine del giornale locale La Notizia (sabato 28 ottobre 2006) la risposta dell’assessore Cirino Cillepi a Paolo Ragazzi.

Il nostro assessore, a proposito del progetto dell’insediamento per U.S. Navy, sostiene: “L’Amministrazione di oggi, che non ha condiviso l’osservazione, spera che la variante venga approvata presto, perché crede nella positività dell’iniziativa urbanistica intrapresa dal privato a proprie spese e per poter dare vivibilità e decoro ai quartieri di S.Antonio, Carrubbazza, Corderia e Porrazzeto.

Riguardo alla tipologia degli osservatori urbanistici: legittimo e coraggioso era nel lontano 1997 esercitare il diritto di partecipazione democratica e “permettersi” di osservare il P.R.G.; ancora più legittimo – ma non coraggioso - è oggi nel 2006 osservare ed opporsi alla variante sul P.R.G. di Xirumi Sigonella, ..”.

Desidererei sottolineare due cose. Una a proposito dell’affare Xirumi e l’altra a proposito del coraggio.

Da quanto sostiene il nostro assessore coraggioso l’affare della Società Scirumi S.r.l. darà quindi vivibilità e decoro a ben quattro quartieri.

Vivibilità e decoro dice il nostro assessore coraggioso: ma che significa? Forse provvederanno alle opere di urbanizzazione? Esiste quindi un impegno della società lottizzante?

Non possiamo che prendere atto dei sostanziosi passi avanti fatti per il bene del nostro paese.

Noi eravamo rimasti alla proposta della società lottizzante Scirumi S.R.L., che faceva parte dell’incartamento presentato alla prima deliberazione (Neri ex Sindaco) e poi alle precisazioni fornite dall’Architetto D’Anna.

Nella prima la Scirumi S.r.l. si impegnava a “rendere facilmente fruibile il Lago di Lentini, oltre al completamento di opere di urbanizzazione nel nuovo quartiere periferico di contrada S.Antonio per un importo complessivo di € 2000.000,00”.

Nelle sue Controdeduzioni l’architetto D’Anna ci spiegava che “la società Scirumi si è resa da subito disponibile, come si legge nella relazione tecnica generale al punto 14, a prevedere ed eseguire opere concordate per la valorizzazione delle aree archeologiche, compresa l’area denominata S.Basilio.”.

Ricapitolando questa munifica società Scirumi S.r.l., a dar credito al nostro assessore coraggioso e al nostro architetto D’Anna, sosterrebbe le spese per la valorizzazione delle aree archeologiche (compreso S.Basilio) e le opere di urbanizzazione di ben quattro quartieri: S.Antonio, Carrubbazza, Corderia e Porrazzeto.

Caspita! Si prospetta, anzi, ci prospettano, un vero affarone per la nostra comunità.

Certo, si sorvola a piè pari il proseguo della proposta della Scirumi S.r.l., quel paragrafetto che recita così: “Resta inteso che la scrivente [Scirumi S.r.l.] eseguirà la progettazione e l’esecuzione di dette opere e che l’importo dell’intervento sarà proporzionalmente modulato in relazione alla reale realizzazione dei complessi insediativi ricadenti nei due lotti di terreno oggetto del cambio di destinazione d’uso”.

E ci sembra anche giusto.

Ma allora, se non si sa nemmeno a quanto ammonteranno realmente le opere che [eventualmente] la Scirumi andrà ad eseguire, con quale faccia tosta e coraggio (Ops, dimenticavo con il coraggio del nostro assessore coraggioso) si millanta l’esecuzione delle opere suddette? Pie intenzioni? Pubblicità ingannevole? Vedremo!

E veniamo alla questione del coraggio.

Le osservazioni dell’Ingegnere Cillepi al progetto del famoso Campo da Golf erano, a sua detta, legittime e coraggiose, mentre quelle presentate dai Verdi, dal Centro Studi territoriali Ddisa e dal giornale online Girodivite, ancora più legittime, “ma non coraggiose”. E perché? Mah?!

Ed io, che faccio parte del Centro. Studi. Territoriali. Ddisa, uno dei tre non coraggiosi, ‘pavidamente’, do ragione a lui, all’assessore coraggio.

Opporsi, infatti, alla mega progetto della Scirumi S.r.l., alla devastazione del paesaggio, al regalo ad un gruppo di lottizzatori di una parte del nostro territorio e nemmeno per i suoi abitanti, ma per “esclusiva residenza temporanea dei militari americani della base Sigonella U.S. Navy”, non è coraggioso, ma semplicemente opera di buon senso.

Stefano Bombaci


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -