Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Attualità e società |

2 giugno: il funerale della Repubblica

Come ogni anno, nonostante il novello Presidente della Camera Fausto Bertinotti abbia affermato di non condividerne appieno lo spirito militarista, ci saranno l’esercito e l’aviazione, i sommozzatori...
di Marco Cedolin - mercoledì 31 maggio 2006 - 4124 letture

Cambiano i governi, cambiano i partiti politici al potere, è mutato perfino il nome del Presidente della Repubblica, ma ci sono momenti come quello relativo alla fantasmagorica parata militare del 2 giugno che sembrano essere così fortemente connaturati nel loro cattivo gusto da risultare refrattari ad ogni genere di cambiamento.

Come ogni anno, nonostante il novello Presidente della Camera Fausto Bertinotti abbia affermato di non condividerne appieno lo spirito militarista, ci saranno l’esercito e l’aviazione, i sommozzatori e gli alpini, i vigili del fuoco e i bersaglieri, i tricolori e le personalità, gli agenti a presidiare Roma contro la minaccia del terrorismo islamico e la tolleranza zero e alla fine mancherà solo lei, la Repubblica. Che fine ha fatto la Repubblica Italiana, fondata nel 1946 e regolata dalla Costituzione?

Viveva nell’Articolo 4 : La Repubblica riconosce a tutti cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

E nell’ Articolo 36 : il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla qualità e quantità del suo lavoro ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.

L’hanno assassinata gli economisti, i sindacalisti e i politici di ogni risma e colore, dando vita alla riforma Biagi, perseguendo la precarizzazione del sistema lavoro attraverso una flessibilità esasperata, creando disoccupazione, riducendo il valore di acquisto dei salari, ben al di sotto del limite di sostentamento delle famiglie e privando il lavoratore di ogni punto fermo che gli consenta quell’esistenza “libera e dignitosa” che ormai alligna solo nelle parole del legislatore.

Viveva nell’ Articolo 11 : L’Italia ripudia la guerra, come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

L’hanno ammazzata un governo guerrafondaio e un’opposizione inetta che anche oggi dopo essere diventata maggioranza continua a procrastinare nel tempo l’effettivo ritiro delle truppe dall’Iraq. L’hanno ammazzata mandando i nostri soldati ad occupare uno stato sovrano, nascondendoli sotto le mentite spoglie di fantomatici aiuti umanitari. I nostri soldati occupano, combattono, sparano, uccidono, annichiliscono! Non sono, né sono mai stati una forza di pace, poiché non vi è pace dove esistono l’occupazione e la prevaricazione, esistono solo la guerra e l’offesa all’altrui libertà.

Viveva nell’ Articolo 13 : è punita ogni violenza fisica o morale sulle persone sottoposte a restrizioni di libertà.

L’hanno strangolata le forze dell’ordine che si sono coperte di vergogna, a Napoli, come a Genova, come in Valle di Susa. Poliziotti e carabinieri, trasformatisi in bastonatori di donne e anziani, veri e propri torturatori senza scrupoli e senza dignità. Fuorilegge che si nascondono dietro ad una divisa, forti della certezza di rimanere impuniti grazie alla protezione del mondo politico e giudiziario.

Viveva nell’ Articolo 9 : La Repubblica tutela il paesaggio ed il patrimonio storico ed artistico della nazione.

L’hanno massacrata le “Grandi Opere” attraverso le quali la mafia delle infrastrutture ha inteso perpetuare il bengodi legato alla cementificazione indiscriminata del territorio. Il TAV, il Mose, il progetto Quadrilatero, sono solo gli esempi più eclatanti di come anche dal punto di vista ambientale continui a non esistere alcun tipo di rispetto. Le hanno tolto la vita le cartolarizzazioni selvagge, il programma di dismissioni d’immobili di proprietà pubblica, la svendita del territorio demaniale.

Viveva nell’ Articolo 32 : la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e assicura cure gratuite agli indigenti.

Hanno praticato l’eutanasia tagliando i fondi e quindi l’ossigeno alla sanità pubblica, reintroducendo i ticket, facendo si che il malato, se indigente possa solo ambire ad essere curato poco e male.

Viveva nell’ Articolo 41 : l’attività privata non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

L’ha decapitata una classe politica che negli ultimi 10 anni si è arrogata il diritto di privatizzare la maggior parte dei servizi pubblici, prima al servizio del cittadino gestiti secondo la logica della pubblica utilità, oggi al servizio dei privati che li gestiscono secondo l’unica logica che conoscono, quella del massimo profitto. Una classe politica che ha trovato nel conflitto d’interesse l’humus necessario alla sua sopravvivenza.

Viveva nell’ Articolo 47 : la Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme, disciplina, controlla e coordina l’esercizio del credito.

L’hanno stritolata uomini di stato, autorità e speculatori di ogni razza, asserviti ad un sistema bancario marcio e corrotto, ormai privo di ogni dignità. Una palude legislativa che è stata in grado di produrre voragini quali Cirio, Parmalat e mille altre ancora.

Cosa festeggeranno il 2 giugno le armate italiane alla presenza degli uomini preposti a guidare il nuovo governo? Il funerale della Repubblica! E senza dubbio si tratterà di un funerale di Stato.


Rispondere all'articolo - Ci sono 3 contributi al forum. - Policy sui Forum -
la Costituzione
2 giugno 2006

la Costituzione tutela il diritto di ogni cittadino di non doversi trovare nella vergognosa situazione di Genova nella quale quattro sfigati no-global hanno messo a ferro e fuoco una città intera. La Costituzione prevede in quel caso l’invio di carri armati, dell’esercito, della marina etc... affinchè questi sovvertitori dell’ordine democratico siano spazzati via. Perchè non fu fatto ?
    L’esercito ci vuole....
    2 giugno 2006, di : ritirati

    I carrarmati, l’esercito e la marina, occorrerebbero per spazzare via gli imbecilli dall’Italia. Il problema è che sono talmente tanti che non basterebbero le forze armate americane. Forse una bomba nucleare.......
MI PERMETTO DI INTEGRARE
2 giugno 2006, di : marisa

Anzitutto, complimenti per l’articolo, ben scritto, contenuti pertinenti, e privo di demagogia e colore politico. Mi permetto di aggiungere:

Articolo 4 : La Repubblica riconosce a tutti cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. IN REALTA’ LA REPUBBLICA ITALIANA NON SOLO NON RICONOSCE ALCUN DIRITTO AI LAVORATORI, NON SOLO NON FA NULLA PER DAR LAVORO, MA, QUANDO UN POVERACCIO CON LE SUE SOLE FORZE, LOTTANDO CON LE UNGHIE E I DENTI, SENZA ALCUN AIUTO MA SOLO IMPEDIMENTI DA PARTE DELLO STATO, QUANDO QUEL POVERACCIO RIESCE FINALMENTE A TROVARE UN LAVORO, ECCO CHE LO STATO GLI PIOMBA ADDOSSO CON LE SUE TASSE INSENSATE.

Articolo 13 : è punita ogni violenza fisica o morale sulle persone sottoposte a restrizioni di libertà. NON SOLO NON E’ PUNITA, MA IN ITALIA E’ NORMALE PROCEDURA DEGLI SBIRRI. PRATICAMENTE OGNI ARRESTATO O FERMATO, PASSA PER LE MANI E I PIEDI DEGLI SBIRRI. PIU’ CHE LA VIOLENZA DURANTE LA REPRESSIONE, VA RICORDATO L’ASSASSINIO DEL GIOVANE ALDROVANDI, O IL PESTAGGIO DELL’INNOCENTE BARILLA’. MA CIO’ NON BASTA, INFATTI GLI SBIRRI ITALIANI SI SPINGONO BEN OLTRE. INFATTI ARRIVANO AD ARRESTARE NON SOLTANTO GENTE CHE SANNO INNOCENTE, MA ADDIRITTURA AD ARRESTARE PERSONE ACCUSANDOLE DI FATTI TOTALMENTE INVENTATI, MAI ACCADUTI.

Articolo 32 : la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e assicura cure gratuite agli indigenti. VERAMENTE NELLA MAGGIOR PARTE DELLE STRUTTURE PUBBLICHE IL MALATO E’ TRATTATO COME UNA BESTIA, PER FARE UN ESAME, ORMAI A PAGAMENTO CON LA SCUSA DEL TICKET, BISOGNA ASPETTARE ANCHE MESI. I FARMACI POI, SE SI CONSIDERA CHE IN ITALIA COSTANO IL DOPPIO RISPETTO AD ALTRI PAESI D’EUROPA, E CHE IL TICKET E’ DI DUE EURO A CONFEZIONE, SONO IN PRATICA PER BUONA PARTE A PAGAMENTO. RIGUARDO LE STRUTTURE PUBBLICHE, NON E’ UN PROBLEMA DI FONDI. INFATTI I FONDI PERVENGONO AL NORD COME AL CENTRO E AL SUD, MA AL CENTRO E AL SUD LA SANITA’ E’ DISASTRATA. QUINDI RISULTA EVIDENTE CHE IL PROBLEMA E’ NEI SANITARI, E NON NELLA SANITA’.

Articolo 47 : la Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme, disciplina, controlla e coordina l’esercizio del credito. INFATTI I TASSI DI INTERESSE SONO RIDOTTI AI MINIMI TERMINI, E QUESTI STESSI MINIMI INTERESSI SONO ADDIRITTURA TASSATI. COME SE I SOLDI RISPARMIATI NON FOSSERO GIA’ STATI TASSATI.

    l’Anomalia Italiana
    3 giugno 2006

    La patetica anomalia italiana è ben rappresentata da tutte quelle persone che non fanno altro che aspettare lo Stato. Lo Stato deve, lo stato deve, lo stato deve.......... Citando Kennedy si potrebbe dire: non chiedete cosa può fare l’Italia per voi ma chiedetevi cosa potete fare voi per l’Italia. Ma questo discorso sembra troppo faticoso per chi nasconde la propria povertà di spirito dietro la povertà materiale. Mia nonna crebbe 8 figlie da vedova coltivando la terra e lo stato non c’era, perchè mai lo stato dovrebbe pagare ora un lavoro a tutti i nullafacenti d’italia ???????? Continuano ad arrivare immigrati clandestini da tutto il mondo perchè in Italia trovano lavoro. Come è possibile che nel Meridione vi siano cosi tanti disoccupati ?? Che vengano a lavorare qui ! Altro che Costituzione !
dimenticavo:
3 giugno 2006

....dimenticavo: ma perchè vi lamentate ? Avete fatto vincere la sinistra, avete un governo no-global, un presidente della camera che inneggia agli operai senza mai aver lavorato in vita sua, avete un presidente della Repubblica con numerose macchie comuniste, avete i sindacati politicizzati che anzichè difendere gli interessi dei lavoratori fanno un sacco di politica e di scioperi inutili, avete l’intero corpo insegnanti completamente schierato a sinistra e nelle scuole si insegna ancora che la resistenza ed i partigiani fecero cadere il nazi-fascismo (dimenticandosi di dire che la resistenza nacque quando la dittatura era ormai finita e dimenticandosi di dire che fu del tutto ininfluente ai fini bellici), avete fatto una parata del 2 giugno con metà governo alla manifestazione e metà governo alla contromanifestazione (ma che vergogna, che squallore, che razza di pasticcio ! ). Avete (quasi) ritirato il contingente dall’Iraq come se fosse un atto meritorio dimenticando che in Kosovo li mandaste VOI . Adesso farete entrare migliaia di clandestini e per sopperire ai reati che questa marmaglia combinerà per l’Italia avete già in programma una amnistia. E dulcis in fundo avete un sottosegretario tirato fuori dalla pozzanghera marcia di Prima Linea con un omicidio alle spalle (insomma un terrorista). Aiuto !!!!!!!!!!!! E poi parlate di costituzione ! Ma fatemi il piacere !