Anch’io ho diritto all’acqua


E’ stata lanciata un’iniziativa dal titolo "L’acqua non è un privilegio, è un diritto", che vuole battersi affinchè questo bene vitale...


di Rosanna Rivetti pubblicato il 15 giugno 2006

Ci sembra strano pensare che nell’anno 2006 circa 1,3 miliardi di persone non abbiano ancora un accesso sicuro all’acqua potabile.

E’ stata lanciata un’iniziativa dal titolo "L’acqua non è un privilegio, è un diritto", che vuole battersi affinchè questo bene vitale, inalienabile per ogni essere vivente, possa essere una risorsa a disposizione di tutti. Sono 5 milioni le persone, principalmente donne e bambini, che ogni anno muoiono per malattie relative alla qualità dell’acqua. L’appello promosso da varie organizzazioni internazionali ed istituzioni, ma sopratutto da molti cittadini particolarmente sensibili alla società civile, chiede che sia adottata una Convenzione Globale per il dititto all’ Acqua per la vita.

Femiamoci a riflettere. Come chiamarle se non ingiustizia la realtà che vede milioni di persone morire per mancanza d’acqua e molte altre, dall’altro capo del mondo, che ne hanno anche troppa fino a sperperarla. Non ci è stata inculcata una vera educazione alla solidarietà e al rispetto delle cose, specie di quei beni che ci appaiono così scontati, banali, naturali; eppure moltissimi ne sono ancora privi. Lasciare che un uomo muoia di sete è l’omicidio peggiore che si possa commettere, è una colpa che pesa su ognuno di noi come un peante fardello. Tutti noi siamo responsabili.

Non ci è stata concessa la possibilità di scegliere dove nascere, se ricchi o poveri, neri o bianchi, amati o discriminati: siamo nati tutti come esseri viventi e basta, e questo è sufficiente per sentirci tutti uguali e tutti degni di essere rispettati e accolti.

Siamo forniti però del potere di combattere contro ogni forma di ingiustizia , anzi siamo spinti dal dovere di attivarci per migliorare il mondo. Occorre che la giustizia trionfi e la pace funga da collante tra i rapporti umani.

Firma oggi stesso l’appello sul sito greencrossitalia

Salva un uomo dalla sete!

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo