Primo Maggio 2022 a Palermo: solidali per la pace insieme con l’Assemblea cittadina No Guerra



di Redazione pubblicato il 24 aprile 2022

La costituente Assemblea No Guerra Palermo (promossa da Laboratorio “A. Ballarò”, Comitato base PaNoMuos, La Comune, Udipalermo, Cobas Palermo e Donne Caffè filosofico “B. Bonetti”) invita la cittadinanza e tutti i movimenti pacifisti a partecipare all’iniziativa che si terrà a Piazza Verdi (ore 17,30) a Palermo.

Un Primo Maggio di incontro e dialogo per costruire solidarietà contro tutte le guerre.

Nel manifesto di convocazione l’Assemblea panormita scrive non solo di essere decisamente contro la guerra in Ucraina, ma anche “contro tutte le guerre in Siria, Yemen, Palestina e in Africa”, denunciando anche “i recenti attacchi a Gaza e nel Kurdistan iracheno”.

L’Assemblea dichiara di essere “a fianco del popolo Ucraino per il ritiro immediato dell’esercito russo e – contestualmente – con chi in Russia lotta per la pace e fare pressione sulle istituzioni internazionali perché si avviino immediati negoziati di pace”, ribadendo decisamente di essere contro l’invio di armi in Ucraina e contro Putin; contro la violenza patriarcale e bellicista che oggi rischia di annientare l’intera umanità e tutto il pianeta; contro l’aumento delle spese militari e l’ulteriore immiserimento-peggioramento delle condizioni di vita quale conseguenza dell’escalation bellico.

In altri termini si chiede un ribaltamento delle attuali politiche per favorire azioni volte: all’incremento delle risorse per la sanità, la scuola, lo stato sociale e all’accoglienza incondizionata delle/gli immigrate/i, delle profughe/i senza discriminazioni etniche, religiose ed economiche.

In ultimo la piattaforma pacifista della costituente Assemblea NoGuerra ribadisce la necessità dello scioglimento della Nato, per il disarmo e per il definitivo smantellamento delle testate nucleari e per la chiusura di tutte le basi militari, comprese quelle presenti in Sicilia: Sigonella, Niscemi, Augusta, Birgi.


Fonte: Pressenza.


Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo