EMERGENCY: Ricevuti ancora feriti da proiettili dall’Aeroporto


Ma a Kabul la situazione è in netto miglioramento


di Redazione pubblicato il 19 agosto 2021

Nelle ultime 24 ore la situazione dei feriti ricevuti dal Centro chirurgico per vittime di guerra di EMERGENCY a Kabul è nettamente migliorata: l’ospedale ha ammesso solo 6 pazienti a rischio di vita e ha trattato 24 persone nel proprio pronto soccorso. Purtroppo abbiamo ricevuto ancora 2 persone già morte al momento dell’arrivo al nostro Centro.

“In questo momento in città non si registrano combattimenti aperti, ma rimane alta la tensione all’interno dell’aeroporto: nel corso della mattinata abbiamo già ricevuto due pazienti con ferite da proiettile provenienti da lì,” racconta Alberto Zanin, Coordinatore medico di EMERGENCY a Kabul.

In questo momento, dei 100 posti letto dell’ospedale, 14 sono liberi. La relativa stabilità della situazione permette quindi di allargare i propri criteri di ammissione, accettando qualunque tipologia di feriti di guerra. Rimane comunque la priorità di ammissione per donne e bambini. Esclusi saranno solo i maschi adulti con ferite agli arti che non presentino traumi alle arterie.

Al momento, l’ospedale non ha ancora avuto un colloquio con i nuovi responsabili distrettuali talebani, ma non risulta che sia stata implementata alcuna nuova restrizione.

“Chiediamo comunque alla comunità internazionale di non abbassare l’attenzione su quello che sta accadendo in Afghanistan. Il grande rischio è infatti che, con il calare dell’attenzione mediatica e politica, una serie di problemi legati all’avvento di questa nuova dirigenza cadano nell’oblio,” prosegue Zanin.

A preoccupare ora è soprattutto la situazione nella Valle del Panshir, unica località ancora nelle mani del governo in cui si stanno radunando le rimanenti truppe dell’esercito, dove EMERGENCY gestisce un Centro medico-chirurgico e il Centro di maternità Valeria Solesin.

“Rispetto alla maternità abbiamo visto purtroppo una diminuzione dei pazienti che arrivano a partorire a causa della paura di spostarsi, e ci stiamo organizzando per ricevere un maggior afflusso di feriti di guerra anche in questa valle che è rimasta tradizionalmente pacifica,” ha concluso Zanin.

A margine, la Presidente di EMERGENCY Rossella Miccio ha comunque ribadito la determinazione dell’organizzazione a portare avanti la propria attività nel Paese.

“Noi continuiamo con il lavoro che stiamo facendo dal 1999 con tre ospedali e circa 40 cliniche in varie provincie, siamo estremamente preoccupati per i civili afghani che sono stremati da oltre 40 anni di guerra. Ci sono migliaia di persone che stanno scappando in aeroporto, e ci sono milioni di afgani nel Paese che non vanno abbandonati. Noi continueremo a rimanere per garantire uno dei pochi presidi sanitari aperti e gratuiti per curare le vittime, nonostante questa situazione di attesa e di incertezza,” ha dichiarato Miccio.

A seguire il link alla registrazione del collegamento di stamattina con Alberto Zanin, Medical Coordinator del Centro chirurgico di EMERGENCY a Kabul:

https://www.dropbox.com/sh/ch2vh9gwnd4ljeo/AADCsN3xzBBOJi3RF61k4jmda?dl=0

Per collegarsi all’appuntamento di domani mattina (20 agosto 2021) alle 10:30 da Kabul, sempre con Alberto Zanin, accedere con:

https://us04web.zoom.us/j/78978313897?pwd=ZU10Ni9teUwrR2xvdjhVcjFTcktjUT09

ID riunione: 789 7831 3897 Passcode: 9f7CgY

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo